Riconoscere l'appendicite cronica e i rimedi per curarla

Si parla di appendicite cronica quando una condizione di appendicite acuta, vale a dire l'infiammazione dell'appendice dovuta a feci, parassiti, corpi estranei o tumori, inizia a diventare recidiva e a ripresentarsi con una certa frequenza, circa una volta all'anno. In questo caso non è difficile riconoscere quando l'appendicite diventa cronica e quali sono i rimedi per curarla.


Oltre a seguire una dieta specifica, meglio se liquida e che lasci pochi residui (brodo, centrifugati di frutta e verdura cotte, uova sbattute e latte predigerito), esiste una terapia antibiotica che è specificatamente utilizzata nei casi di appendicite acuta che rischia di cronicizzare. Oltre ad intervenire sulla correzione dello stile di vita, aumentando il consumo di fibre e dedicandosi con dedizione ad un po' di sana attività sportiva, si possono assumere antibiotici che aiutino a combattere l'infiammazione dell'appendice.

Il rischio della terapia antibiotica è che provochi qualche effetto collaterale indesiderato: se utilizzati per lungo tempo e frequentemente, gli antibiotici possono dare problemi alla mucosa gastrica e appesantire il fegato, danneggiando la funzionalità epatica e renale; in tali casi è bene intervenire in modo decisivo e sottoporsi ad un'appendicectomia, in modo da eliminare il problema alla radice.

È un intervento rapido, considerato di routine, che si esegue per laparotomia e non comporta particolari rischi: resta comunque, in fondo, l'unica vera soluzione all'appendicite cronica.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail