Benessereblog Salute Corpo I sintomi degli attacchi di panico, le soluzioni e i consigli su cosa fare

I sintomi degli attacchi di panico, le soluzioni e i consigli su cosa fare

Come affrontare un attacco di panico: riconoscere i sintomi, i consigli da seguire per far passare la crisi momentanea e quali sono le terapie suggerite.

I sintomi degli attacchi di panico, le soluzioni e i consigli su cosa fare

 

È considerata una delle più grandi paure degli italiani e uno dei disturbi psicologici più invalidanti e frequenti: è l’attacco di panico. Si presenta solitamente in modo improvviso e spaventoso, costringendo il soggetto a sottostare a impulsi e paure incontrollate che ne minano la sicurezza personale e l’indipendenza: ci si trova impossibilitati ad uscire di casa, desiderando la compagnia di molte persone per non trovarsi soli ad affrontare la crisi.

I sintomi degli attacchi di panico sono molteplici ma circoscritti e molto simili a quelli di un attacco di ansia o di uno sbalzo di pressione. Quelli fisici, che interessano il corpo vero e proprio, sono:

  • affaticamento
  • oppressione al petto
  • sensazione di soffocamento e mancanza di ossigeno
  • aumento della frequenza cardiaca (tachicardia)
  • sudori freddi e vampate di calore
  • sensazione di testa “ovattata”
  • stordimento
  • confusione
  • vertigini

Tra quelli psicologici, responsabili primari dell’attacco, troviamo varie tipologie di paure intime e personali, che si scatenano a seconda della condizione psichica del soggetto:

  • paura di morire
  • paura di fare brutta figura
  • paura di impazzire
  • paura di perdere il controllo
Ci si sente impotenti e non si sa bene cosa fare per affrontare l’attacco. I consigli più efficaci quando ci si sente in crisi suggeriscono di adottare una posizione comoda, non restare soli e attendere l’affievolirsi delle sensazioni e delle paure: dopo l’attacco, sarebbe necessario parlare col medico e scegliere la terapia migliore per risalire alla radice del problema.
Molte sono le soluzioni contro l’insorgenza degli attacchi di panico: esistono terapie farmacologiche appropriate, di medicina tradizionale ma anche di omeopatia e medicina naturale, da corredare ad una terapia psicologica e/o psicoterapeutica adeguata, che permetta al soggetto di risalire serenamente all’origine e al motivo di tali attacchi.
Foto | Flickr

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Carbone vegetale, a cosa serve
Corpo

Da rimedio anti-gonfiore, il carbone vegetale è oggi diventato un ingrediente per pane, maschere di bellezza e dentifrici: questo rimedio naturale è conosciuto da molto tempo come trattamento per ridurre il gas intestinale, ma il carbone vegetale può essere usato anche per trattare intossicazioni e altri disturbi. Il rimedio va assunto per non più di 7 giorni e solo in casi particolari.