Psicologia: Google Doodle per Hermann Rorschach, lo psichiatra del test con le macchie

Psicologia: Google Doodle per Hermann Rorschach, lo psichiatra del test con le macchie

Il Google Doodle di oggi, venerdì 8 novembre 2013, è dedicato a uno psichiatra della scuola freudiana davvero molto famoso: sto parlando di Hermann Rorschach, l'inventor del celebre test con le macchie. Ecco il video che lo celebra.

Il Goodle Doodle di oggi è dedicato al famoso test con le macchie di inchiostro del celebre psichiatra svizzero della scuola freudiana Hermann Rorschach. Tutti conoscono questo particolare test psicologico proiettivo, ideato proprio dallo psicologo per poter indagare la mente dei suoi pazienti: tramite l’utilizzo di macchie di inchiostro policrome o monocrome si possono capire moltissime cose. Un Google Doodle dedicato alla psicologia, che ci invita a condividere quello che noi vediamo nelle macchie.

Il test di Rorschach è molto semplice e tutti lo abbiamo visto almeno una volta nella vita, se non altro nei tanti film in cui è presente la figura di uno psicologo: in pratica al paziente vengono proposte delle immagini, che altro non sono che macchie di inchiostro che il soggetto deve interpretare, spiegando allo psicoterapeuta quello che vede.

Le immagini vengono realizzate con la Kleksografia, una tecnica che consiste nel piegare in due il foglio con le macchie di inchiostro, per dare l’illusione dell’ordine, per un risultato finale che propone due metà esattamente uguali.

Un metodo davvero molto famoso per indagare la mente umana, che venne ideato dallo psichiatra, che presto abbracciò la psicoanalisi, e che nei decenni successivi alla sua morte (Hermann Rorschach morì a 38 anni per una peritonite diagnosticata male) venne utilizzato da moltissimi colleghi, tanto che si tratta di uno tei test reattivi psicologici più usati in tutto il mondo.

Via | Downloadblog

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog

Ti potrebbe interessare

L’analisi della propria scrittura svela la nostra personalità
Curiosità

Innanzitutto la prima domanda da porsi è: scriviamo preferibilmente con la penna o con la matita? Già questo potrebbe essere un grande indizio, poiché mentre nel primo caso mostriamo un carattere pragmatico e modi di fare sbrigativi, nel secondo rappresentiamo un animo più discreto, che non vuole attirare l’attenzione su di sé. Ma tornando alla […]