Bosone di Higgs e la particella di Dio, le prime prove o forse no

Bosone di Higgs e la particella di Dio, le prime prove o forse no

Secondo gli esperimenti Atlas e CMS sarebbe stata rilevata la presenza della "particella di Dio" che potrebbe aiutare a svelare il mistero della nascita dell'Universo.

L’esperimento Cms dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) avrebbe rilevato la presenza della “particella di Dio”, il misterioso bosone di Higgs che dovrebbe dare la massa alle particelle.

Secondo gli esperimenti Atlas e CMS, coordinati da Fabiola Gianotti e Guido Tonelli, il bosone di Higgs potrebbe avere una massa compresa tra 124-126 GeV, come emerge dalla lettura del comunicato stampa sul seminario tenutosi lo scorso 13 Dicembre al Cern e che trovate in versione originale su Astronomicamentis.

I dati che localizzano la particella di Dio nella regione compresa fra 124 e 126 miliardi di elettronvolt (GeV) – spiega Mysterium – danno ragione alla previsione fatta nel 1979 dai fisici teorici italiani Luciano Maiani, Giorgio Parisi, Roberto Petronzio e Nicola Cabibbo, quest’ultimo scomparso nel 2010.

Come riporta Tomshw.it, provare l’esistenza di questo bosone potrebbe essere un nuovo tassello per completare il cosiddetto “modello standard”, cioè la teoria che descrive le forze fondamentali che governano il nostro Universo. Finora sono tre le forme d’interazione misurate: nucleare forte, elettrodebole e gravitazionale. Manca la formulazione quantistica della gravità. Un altro sviluppo potrebbe riguardare la teoria della Supersimmetria.

All’interno del Large Hadron Collider (LHC), l’enorme acceleratore di particelle lungo 27 chilometri situato sotto terra a Ginevra, nessuna prova ha finora fornito un dato statistico certo. 

LINK UTILI:

Cern di Ginevra: a giugno 2009 il mega acceleratore di particelle, Lhc, riprenderà gli esperimenti 

ATLAS e CMS: i risultati della ricerca sul bosone di Higgs

Dopo l’annuncio sul Bosone di Higgs: i fisici italiani avevano ragione

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog