Proprietà dell'azzeruolo e le ricette sane con il frutto

azzeruolo

L'azzeruolo è una pianta tipica dell'Asia Minore, che comunque si coltiva in tutta l'area mediterranea. Può crescere in maniera spontanea, con una pianta a forma di alberello o di siepe, ma spesso di cespuglio, che porta con sè moltissime spine, che spariscono nella versione coltivate. Una pianta dal frutto gustoso amico della nostra salute.

Dopo aver visto le proprietà delle giuggiole, un altro frutto dimenticato per lungo tempo, eccoci qui a parlare dell'azzeruolo che propone un frutto simile ad una piccola mela. Non a caso la pianta fa parte della famiglia delle Rosacee proprio come le mele. I frutti sono molto piccoli e possono avere un sapore dolce/acidulo, oltre che presentare al loro interno qualche seme. Più è caldo più i frutti sono dolci.

Come tutti i frutti anche l'azzeruolo porta con sé importanti proprietà: è un frutto molto dissetante, diuretico, rinfrescante, antianemico, cardiotonico, ipotensivo. Al suo interno contiene moltissima provitamina A, con azione antiossidante efficace anche in tanti prodotti di bellezza, per pelli spente e opache.

La completa maturazione dei frutti dell'azzeruolo avviene a settembre e ottobre. Si possono mangiare freschi, ma anche in conserve che durano a lungo. L'azzeruolo è usato per preparare confetture e gelatine, oltre che essere conservato sotto grappa o sotto spirito. Tanti gli utilizzi in cucina.

Se vogliamo, ad esempio, preparare una confettura di azzeruoli, dovremo avere a disposizione un chilo di questo frutto, 600 grammi di zucchero, 600 grammi di acqua. Dopo aver fatto bollire l'acqua, immergere i frutti e farli cuocere per una decina di minuti. Scolarli e togliere i semi. Nell'acqua mettere lo zucchero che dovrà bollire per una decina di minuti, inserendo poi i frutti. Mescolare per un'oretta buona. Invasare la confettura da calda, chiudere i barattoli e rovesciarli, lasciandoli coperti con un panno. Quando saranno freddi potranno essere conservati al freddo.

Se con le giuggiole si possono ottenere ottimi liquori, lo stesso si può dire dei preparati a base di azzeruoli. Tagliate in tre quarti una decina di frutti e copriteli in un vaso di vetro con mezzo litro di alcol da liquore. Dopo due settimane, filtrate il liquido e preparate uno sciroppo con un litro d'acqua e 400 grammi di zucchero. Unite i due composti e conservate in bottiglie di vetro.

Via | Il cortile delle matte

  • shares
  • Mail