Alga Klamath e feniletilammina

Alga Klamath e feniletilammina

Come dicevamo ieri l’estratto naturale da alga Klamath PhycoPlus concentra, oltre alle ficocianine, anche l’amminoacido feniletilammina (PEA). La PEA è un composto naturalmente prodotto dal cervello e responsabile di esperienze associate con il piacere e la consapevolezza mentale. Per questo essa è stata anche definita “molecola dell’amore” o “molecola migliora-umore”[1] ed è stato osservato che […]

Come dicevamo ieri l’estratto naturale da alga Klamath PhycoPlus concentra, oltre alle ficocianine, anche l’amminoacido feniletilammina (PEA).

La PEA è un composto naturalmente prodotto dal cervello e responsabile di esperienze associate con il piacere e la consapevolezza mentale. Per questo essa è stata anche definita “molecola dell’amore” o “molecola migliora-umore”[1] ed è stato osservato che la PEA è carente nel cervello di gran parte degli individui che soffrono di depressione.[2]

Una volta assunta oralmente, la PEA attraversa prontamente la barriera emato-encefalica, ed è immediatamente disponibile per le funzioni cerebrali. Nel cervello, la PEA agisce aumentando la concentrazione della dopamina nelle fessure sinaptiche. Il naturale aumento della trasmissione dopaminergica nel cervello è stato associato con l’aumento delle esperienze di piacere.

E’ stato dimostrato che l’assunzione giornaliera di 10 mg di PEA è in grado di alleviare i sintomi della depressione.[3]

Il consumo di 3-5 mg di PEA è efficace nell’aumentare l’attenzione e la concentrazione, e nel migliorare l’umore e la generale qualità della vita.[3]

A queste concentrazioni, la PEA può anche costituire una alternativa sicura ed efficace nella gestione dei disordini dell’attenzione (ADHD).

—————————————
1. Sabelli HC, Mosnaim AD., Phenylethylamine hypothesis of affective behavior, Am J Psychiatry 1974, Jun; 131(6) : 695-9
2. Sabelli HC, Javaid Jl., Phenylethylamine modulation of affect: therapeutic and diagnostic implications, J. Neuropsychiatry Clin Neurosci 1995, Winter; 7(1): 6-14.
3. Sabelli HC, et al., Sustained antidepressant effect of PEA replacement, J Neuropsychiatry Clin Neurosi 1996 Spring; 8(2): 168-71.

Approfondimenti
Brain & Nervous System

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog