Tunnel carpale, il test, i sintomi e l'operazione

C

La sindrome del tunnel carpale è una patologia che colpisce i tendini delle mani e dei polsi. Salita alla ribalta con l'avvento dell'era tecnologica e della globalizzazione (accusata in uno studio americano di essere una delle cause della diffusione di tale sindrome), colpisce prevalentemente le persone costrette a mantenere posizioni innaturali, con continua tensione alla schiena e alle spalle che si ripercuote sulle mani, infiammando i tendini.Si parla di tunnel carpale quando

il nervo mediano, durante il suo passaggio nel canale carpale a livello del polso, viene stretto come in una morsa per un patologico ispessimento del legamento trasverso del carpo che costituisce una delle pareti di detto canale. [...] Secondo alcuni a determinare la sofferenza del nervo mediano è anche un ispessimento (iperidrosi), legato a fattori ormonali, dei tendini dei muscoli della mano, anche essi contenuti nel canale carpale.

sintomi che possono indicare una sindrome del tunnel carpale sono formicolii intensi, avvertibili soprattutto di notte, accompagnate da sensazione di intorpidimento e gonfiore alla mano. Le prime tre dita della mano e in parte il quarto sono doloranti e intorpidite. Successivamente il dolore può irradiarsi anche all'avambraccio e, se si aggrava, si può arrivare alla perdita di sensibilità alle dita e di forza della mano, fino all'atrofia nei casi più gravi.

Esistono fortunatamente dei test che si possono effettuare per verificare se una situazione di formicolio possa essere spia di una sindrome di tunnel carpale: i più conosciuti sono il test di Tinel e di Phalen. Nel test di Tinel si percuote sopra il tunnel carpale con il martellino da riflessi in modo da vedere se il paziente avverte o meno una scossa sul nervo mediano. Nel test di Phalen, invece, si fa una prova empirica flettendo ed estendendo la mano sull'avambraccio per un minuto; se appaiono formicolii o quelli già presenti peggiorano, è evidente che ci si trova davanti ad una sindrome di tunnel carpale. In ogni caso la prova del nove la fornisce l'esame EMG/ENG, che permette di

valutare la velocità sensitiva (la prima ad essere alterata nella Sindrome del Tunnel Carpale), la velocità motoria, la latenza e l'ampiezza delle risposte sensitive e motorie del nervo, elicitate dalla scossa elettrica.

L'operazione prevede il taglio del legamento traverso del carpo e può essere effettuata per via endoscopica o tecnica tradizionale, con o senza anestesia. Mediamente la convalescenza va dalle due alle quattro settimane.

Via | Tunnel Carpale

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: