L’umidità protegge dall’influenza

influenzaSapevate che i germi sopravvivono meglio all’aria secca e assai meno all’aria umida? È quello che hanno scoperto alcuni ricercatori dell’Oregon che hanno studiato la sopravvivenza virale in diversi ambienti, a più alta o più bassa concentrazione di umidità.

Quando l’umidità diminuisce il periodo di sopravvivenza di un virus cresce e il rischio di trasmissione aumenta esponenzialmente. Un risultato importante per chi spesso prende l’influenza perché passa molte ore in un ambiente volutamente deumidificato.

I ricercatori ritengono addirittura di poter correlare proprio a questa ragione il motivo per cui il virus influenzale si diffonde così tanto in inverno rispetto all’estate, quando l’umidità – a prescindere dalle temperature – è tendenzialmente più alta rispetto ad una giornata invernale. Se a ciò si aggiunge il fatto che gli ambienti chiusi sono spesso molto riscaldati, e dunque l’aria è secca, il cerchio si chiude.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail