Nobel 2010, per la medicina vince Robert Edwards padre della fecondazione assistita (video)

Nobel 2010, per la medicina vince Robert Edwards padre della fecondazione assistita (video)

UPDATE: Dal Vaticano giungono attacchi pesanti. Il presidente della Pontificia Accademia per la Vita attacca: “Gravi interrogativi morali, si deve a lui mercato ovociti, mamme-nonne e embrioni a morte”. Vince il premio Nobel 2010 in Medicina/Fisiologia Robert Edwards, lo scienziato britannico 85enne che nel 1968 mise a punto con il ginecologo Patrick Steptoe la tecnica […]

UPDATE: Dal Vaticano giungono attacchi pesanti.

Il presidente della Pontificia Accademia per la Vita attacca:

“Gravi interrogativi morali, si deve a lui mercato ovociti, mamme-nonne e embrioni a morte”.

Vince il premio Nobel 2010 in Medicina/Fisiologia Robert Edwards, lo scienziato britannico 85enne che nel 1968 mise a punto con il ginecologo Patrick Steptoe la tecnica Fivet che ha reso possibile la nascita di 4 milioni di bambini per coppie con problemi di fertilità.

Robert Edwards – ci informa Luigi Filippelli su Science Backstage – è un fisiologo britannico, originario di Leeds.

Ha studiato agricoltura all’Università del Galles e quindi la genetica animale a Edimburgo. Dopo il Ph.D. nel 1955 è a Cambridge dal 1963.

Il suo lavoro di ricerca si è successivamente sviluppato nella fertilizzazione umana, in particolare quella in vitro, campo per il quale ha oggi vinto il Nobel.

Di seguito il video con la proclamazione del vincitore:

La vittoria di Edwards, a cui andrà il premio di 1,5 milioni di dollari, è stata accolta con entusiasmo dal mondo intero.

Da Roma, però – informa Repubblica -, non è giunta ancora alcuna pronuncia ufficiale, forse anche a causa di come la fecondazione assistita viene interpretata dalla nostra legge.

In Italia tutti gli embrioni che sono stati fecondati in vitro devono obbligatoriamente essere impiantati nell’utero della donna: il che comporta un aumento della percentuale di gravidanze plurigemellari e dei rischi che ne conseguono.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog