Cosa fare in caso di alito cattivo e quali sono i rimedi naturali

L'alitosi, o alito cattivo, è un disturbo che colpisce milioni di persone in tutto il mondo e che può avere una gran quantità di cause. Tecnicamente si tratta di un odore sgradevole che emana la bocca durante la normale respirazione o mentre si parla. Anche se di solito non è un problema pericoloso, e può creare disagio soltanto a livello sociale, l'alitosi può segnalare la presenza di patologie anche gravi, come ad esempio alcune malattie infettive della bocca.

I rimedi per l'alito cattivo dipendono ovviamente dalla sua causa, e per questo è consigliabile consultare un dentista per avere un parere. A volte non basta semplicemente lavarsi i denti per farlo sparire perché, ad esempio in caso di carie, ricompare nel giro di pochi minuti.

Tra i rimedi ci sono prima di tutto la pulizia, non solo dei denti ma anche della lingua, con tanto di filo interdentale e colluttorio. Dopodiché si può tentare con l'alimentazione, eliminando i cibi che possono favorire l'alito cattivo (aglio e cipolla su tutti), sostituendoli con altri che lo combattono (frutta e verdura). Evitare di fumare ed il consumo di alcool, e sottoporsi alla pulizia dei denti periodicamente. È consigliabile effettuarla un paio di volte l'anno.

Si può poi provare anche con dei rimedi naturali come masticare del prezzemolo, semi di girasole, di cardamono, chiodi di garofano o delle foglie di menta, bere molta acqua (a volte l'alitosi è causata dalla secchezza delle fauci), mangiare dello yogurt, bere una tazza di the zuccherato o di succo d'ananas o di limone. È possibile anche sciacquare la bocca con dell'acqua ossigenata dopo ogni pasto, anche se è meglio lavarsi i denti dopo ogni pasto, o perlomeno due volte al giorno. Se nessuno di questi rimedi funziona può darsi che sia in corso un'infezione o qualche altra patologia sottostante che soltanto un medico può diagnosticare e curare.

Via | Farmacoecura; Inerboristeria
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail