Tosse asmatica notturna o durante il giorno? Riconoscerla e curarla nel modo giusto


La tosse asmatica è un tipo di tosse secca e stizzosa che deriva da una patologia sottostante chiamata asma bronchiale, o più comunemente asma. In pratica la tosse asmatica è il sintomo principale, insieme alla mancanza di respiro, dell'asma bronchiale. Questa tipologia si differenzia dagli altri tipi di tosse perché non è costante, insorge in momenti diversi anche a distanza di giorni, e si manifesta in particolar modo di notte.

La tosse asmatica può anche avvenire di giorno, ma ciò accade se la causa che scatena l'attacco d'asma è presente durante le ore diurne. In questo caso la causa può essere un'allergia, l'inalazione di sostanze chimiche, l'esposizione ad ambienti molto freddi o quando si vivono condizioni di forte stress.

Di solito si riesce a distinguere la tosse asmatica anche perché si manifesta con gli altri sintomi dell'asma come mancanza di respiro, che durante la notte si traduce in dispnea, cioè assenza di respiro per diversi secondi, ed un senso di costrizione al torace. L'esordio di solito è improvviso e violento, e non è giustificato da altre patologie che possono provocare la tosse come il semplice raffreddamento o polmoniti, bronchiti o altre malattie dell'apparato respiratorio.

La tosse asmatica non riceve una vera e propria diagnosi perché la patologia che viene notata ad un esame come la spirometria è l'asma. Insieme alla spirometria, che resta l'esame principale, possono anche essere effettuati altri test come quelli allergici o i test di provocazione bronchiale per cercare di individuare la causa dell'attacco d'asma. A volte però la causa non viene identificata.

Trattandosi di una tosse causata dall'asma, i normali sciroppi per la tosse sono inefficaci. L'unico modo di curarla dunque restano i farmaci per curare l'asma, di solito corticosteroidi. Questi vengono indicati dal medico in seguito all'individuazione della causa, insieme ad alcune istruzioni per la prevenzione come, per esempio, evitare l'esposizione agli allergeni scatenanti.

Via | Repubblica; Farmacoecura
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail