Occhi rossi nei bambini: tutte le possibili cause

Quali sono le possibili cause degli occhi rossi nei bambini? Ecco quello che dovete sapere.

occhi rossi bambini

Occhi rossi bambini, quali sono le possibili cause che provocano arrossamento e magari qualche altro fastidio nei bambini? Quando si parla di vista non bisogna mai sottovalutare nessun segnale, nessun sintomo, nemmeno il più piccolo. Gli occhi rossi possono essere una sciocchezza, una semplice banalità, un disturbo da poco. Mentre in altre situazioni meriterebbero un'indagine più approfondita.

Gli occhi rossi o anche un solo occhio rosso nei bambini possono mettere in allarme i genitori. spesso l'arrossamento riguarda la pelle intorno all'occhio e in questo caso si parla di dermatite atopica palpebrale o di blefarite, un'infiammazione della palpebra. La blefarite, oltre all'arrossamento, provoca anche prurito e bruciore.

Altre volte, invece, a essere arrossata è la congiuntiva, la mucosa che funge da rivestimento per la parte interna delle palpebre e la sclera, la parte bianca dell'occhio. In questo caso si parla di congiuntivite. La congiuntivite può essere di origine virale o batterica, ma anche scaturire da una reazione allergica. Ed è la causa più comune degli occhi rossi nei bambini.

Anche l'orzaiolo può provocare rossore e gonfiore, ma solo in un occhio. Così come la puntura di un insetto: il gonfiore può durare anche un paio di giorni. La causa potrebbe essere individuata anche in un trauma oculare, che provoca anche lacrimazione, o in un corpo estraneo che è entrato nell'occhio. La rottura di capillari o l'uso prolungato di lenti a contatto sono altre importanti cause degli occhi rossi nei bambini.

Infine, ci sono casi in cui a essere arrossata è la zona dell'iride, la parte colorata intorno alla pupilla. Si tratta di un evento decisamente raro, che però, se si manifesta, non va assolutamente sottovalutato. Meglio sempre indagare a fondo: se nella maggior parte dei casi l'arrossamento oculare è un disturbo passeggero, in altri è meglio consultare subito un oculista.

Foto di lisa runnels da Pixabay

  • shares
  • Mail