"Lo sperma può fecondare le donne in piscina", la dichiarazione shock di Sitti Hikmawatty

Intervenuta l'Associazione dei medici indonesiani che ha dichiarato come non sia possibile rimanere incinta senza una fecondazione

Sta facendo sorridere alcuni, inorridire altri, la dichiarazione di Sitti Hikmawatty, commissario indonesiano per la protezione dei minori la quale, durante un'intervista con il Tribun Jakarta, ha dichiarato che "le donne possono rimanere incinte nelle piscine anche senza penetrazione se gli uomini con "sperma forte" eiaculano nell'acqua".

La donna, commissario per la salute presso la Commissione indonesiana per la protezione dei minori (KPAI) il cui cognome, tra l'altro, significa "saggezza", si è poi scusata pubblicamente per quanto affermato.


 











Visualizza questo post su Instagram























 

Un post condiviso da Sitti Hikmawatty (@st.hikmawatty) in data:



Secondo la Hikmawatty esisterebbe un particolarmente resistente tipo di sperma maschile in grado di poter provocare addirittura una gravidanza, se espulso all'interno di una piscina, anche in assenza di penetrazione.

Insomma, sempre secondo il commissario indonesiano, non sarebbe impossibile, per le donne intente a nuotare, venire fecondate dallo sperma probabilmente eiaculato dagli uomini eccitati sessualmente dentro l'acqua.

E ancora, "Se le donne si trovano in una fase in cui sono sessualmente attive si potrebbe verificare una gravidanza".

Non è tardata ad arrivare la smentita da parte dell'Associazione dei medici indonesiani, la quale ha dichiarato al Jakarta Post che le donne non possono assolutamente venire fecondate dallo sperma eventualmente presente in piscina.

Tra le reazioni immediate, quella di un medico blogger, noto con il nome di Blog Dokter, che ha risposto che, "anziché rilasciare commenti che vanno a creare ansia e panico tra la gente, è meglio rimanere in silenzio se non si è esperti di medicina e problemi annessi".

Riconosciuto il proprio errore, alla donna non è rimasto altro da fare che scusarsi.

Photo | Facebook

  • shares
  • Mail