Salute: cosa indica il colore del muco?

Cosa indica il colore del muco? Ecco alcune curiosità da conoscere.

Il muco è una sostanza che viene prodotta come meccanismo difensivo messo in atto dal sistema respiratorio in determinate circostanze. Si tratta di un fluido che può essere più o meno denso, e che può assumere diverse colorazioni in base alle condizioni del paziente.

In condizioni normali tale sostanza si presenta infatti con un colore chiaro e una consistenza molto liquida o acquosa, tuttavia il muco può assumere anche colori e consistenze differenti, in base alle nostre condizioni di salute.

Ecco di che colore può essere il vostro muco e quando è il caso di consultare un medico.

Colore del muco: cosa significa?


colore del muco

Come abbiamo visto, in condizioni normali il muco ha una colorazione chiara e semi-liquida. In presenza di alcune patologie però, questa sostanza può avere consistenza e colorazione differenti. Il muco può dunque appare di colore rosa (o rosso), verdognolo, giallastro, e persino marrone o nero. Scopriamo quali sono le cause da conoscere:


  • Catarro rosa o rosso: se il muco o il catarro presentano striature rosse, la causa può essere ricercata in una semplice rottura dei capillari all'interno del naso, che si verifica quando le pareti interne del naso sono secche o poco lubrificate. Fra le altre possibili cause vi sono anche bronchite, rinite e rino-sinusite.

  • Muco verde, appiccicoso e maleodorante: in tal caso il muco potrebbe indicare la presenza di un'infezione batterica o di un'infiammazione che dura da parecchio tempo. Il muco o il catarro verde possono indicare anche la presenza di patologie come infezioni polmonari o una reazione allergica.

  • Muco giallo, denso e dall’odore sgradevole: questa condizione si verifica in caso di sinusite fungina, che può essere provocata da diversi fattori, come ad esempio la presenza di batteri. La colorazione giallognola potrebbe presentarsi anche in caso di forte congestione nasale.

  • Muco di colore scuro: questo fenomeno si verifica generalmente quando si è esposti al fumo di sigaretta, quando si lavora in miniera o si svolgono attività che comportano una esposizione a vernici o a polveri sottili e smog. Il muco nero può essere associato anche a patologie come micosi delle vie aeree o sinusite cronica. Infine, se doveste avere il muco marrone, il problema potrebbe essere determinato anche questa volta dalla presenza di sangue nella mucosa, o anche da fattori, come l’utilizzo di mascara e matita nera, che potrebbero entrare nel dotto lacrimale e colorare di nero le secrezioni (in questo caso noterete però delle striature nere o grigie in una secrezione naturalmente trasparente e semi-liquida).


Detto ciò, qualora doveste notare delle variazioni significative nella colorazione del muco, non esitate a consultare il medico per identificare l’esatta causa e il trattamento più adatto.

via | Doveecomemicuro

Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail