Eosinofili nel sangue: come leggere i valori e quando allarmarsi

Gli eosinofili (nome corretto granulociti eosinofili) sono globuli bianchi, cellule del sistema immunitario. La loro funzione è di combattere i parassiti e le reazioni allergiche, quindi quando è in corso un'infestazione di parassiti, il loro numero nel sangue aumenta. La norma è tra l'1 ed il 3%, ma in molti casi anche dal 7 al 10% è considerato normale in alcuni tessuti particolarmente esposti agli agenti ambientali come ad esempio i polmoni. Inoltre il conteggio può variare a seconda dell'ora del giorno, dell'età o se ci sono state di recente reazioni allergiche.

La soglia considerata normale in termini assoluti è di 450/μl (cioè 450 eosinofili per microlitro o milionesimo di litro). Il valore considerato allarmante si ha oltre la soglia dei 500. Nel caso in cui si superi tale soglia si parla di eosinofilia che può essere causata dall'allergia ai farmaci o in caso di presenza di malattie come febbre da fieno, asma, granulomatosi, eczema, malattia da siero, scarlattina, vasculite allergica e pemfigo, e più raramente in caso di artrite reumatoide, linfoma di Hodgkin, micosi fungoide, morbo di Addison, leucemia mieloide cronica e tumori del polmone, stomaco, pancreas, ovaio e utero.

Alcuni problemi possono insorgere anche nel caso contrario, cioè di eosinofili bassi. Quando il conteggio resta sotto l'1% significa che c'è appena stato o è in corso uno shock anafilattico, anemia perniciosa o reumatoide, insufficienza renale cronica, ipotiroidismo, cancro a stomaco, ovaie o polmoni, leucemia, agranulocitosi, malattia di Hodgkin o di Addison, sclerodermia o policitemia. La conta bassa di eosinofili è inoltre molto comune nei pazienti che assumono farmaci cortisonici o che sono stati sottoposti ad interventi chirurgici di recente.

Nel caso in cui si riscontrano dei valori al di sopra o al di sotto del normale è consigliabile ripetere l'esame, e farlo sempre alla stessa ora in quanto la conta al mattino è diversa da quella della sera. Ripetere l'esame sempre alla stessa ora fornisce così dei risultati più attendibili.

Via | Sanihelp; Analisidelsangue; Universonline; Eurosalus; My-personaltrainer
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail