Alimentazione sportiva, 4 cose da sapere

Cosa si intende per alimentazione sportiva, chi deve seguirla e cosa mangiare per stare in salute.

Alimentazione sportiva

Cosa si intende per alimentazione sportiva? Chi la deve seguire? Partiamo dal presupposto che l’alimentazione di uno sportivo non deve necessariamente essere diversa da quella di una persona più sedentaria, ma è molto importante bilanciare i macronutrienti e fissare degli orari. Quando si parla di alimentazione sportiva ci si rivolge a persone che praticano attività agonistica, ma anche a chi si allena con costanza e in modo impegnativo.

Alimentazione sportiva

Gli sportivi che si allenano intensamente e che compiono sforzi fisici molto intensi devono dosare bene i macronutrienti che sono carboidrati, proteine, grassi e trovare i rapporti preferenziali più adatti a noi. È importante che nella dieta siano presenti tutti gli alimenti e che non si viva a base di riso bianco, tonno al naturale e petto di pollo ai ferri. Serve anche tutto il resto, ovviamente cucinato in modo sano e nella giusta dose, ma occorre inserire il pesce, le verdure, la carne rossa, la pasta e anche la frutta. Non rinunciate a nulla e bilanciate tutto

Se l’attività fisica è intensa si possono bilanciare i pasti e fare in modo di avere degli spuntini pre allenamento che possano dare la giusta energia, ad esempio frutta fresca o secca e anche pane. In linea di massima tra il pasto principale e l’allenamento devono passare circa 2 ore /2,5 ore, gli spuntini si possono fare anche 30 minuti prima.

Se volete seguire un’alimentazione sportiva corretta e bilanciata, evitate il fai da te e soprattutto le diete estreme e improvvisate perché fanno danno e, soprattutto, non sono sostenibili sul lungo tempo. Potete cercare un nutrizionista specializzato che possa creare una dieta per voi, tenendo conto dell’attività fisica e di qual è il vostro obiettivo: dimagrire, tonificare, diventare più forti ecc.

L’alimentazione sportiva può subire cambiamenti e aggiustamenti se si fanno gare regolarmente (ad esempio tutte le domeniche) oppure se ci si allena per un impegno importante, come una maratona.

Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail