Che cosa succede al corpo quando smetti di fumare

Il corpo reagisce in modo particolare quando abbandoniamo la sigaretta e smettiamo di fumare

Smettere di fumare

Non è un mistero che il fumo e in particolare quello di sigaretta sia un problema per la salute dei polmoni e dell'intero organismo, ma il fatto di saperlo purtroppo non scoraggia chi ha questo vizio a liberarsene per vivere meglio e in linea di massima anche più a lungo. Il fumatore deve infatti essere molto motivato per rinunciare a questo piccolo piacere e la dipendenza infatti va affrontata sia dal punto fisico ma soprattutto da quello psicologico.

Il timore poi di poter vedere i risultati molto lontani nel tempo, fa perdere spesso la voglia di provarci. Eppure una cosa che invece bisognerebbe sapere è che i primi segni di benessere dall'abbandono della sigaretta sono quasi immediati, già dopo un'ora dall'ultima tirata, riportando la pressione sanguigna nella norma e, dopo 12 ore, ripristinando il normali livelli di ossigeno nel corpo.

Se vogliamo sapere che cosa succede al corpo quando si smette di fumare, scandendo momento per momento i benefici che la perdita di questo vizio porta, leggiamo di seguito. Magari vedere quanto presto il fisico riesce a stare meglio, ovviamente tenendo in considerazione gli effetti dell'astinenza, che possono però essere gestiti con le dovute attenzioni, ci può aiutare a iniziare questo percorso più facilmente.


  • Entro un'ora dall'ultima sigaretta - Già dopo 20 minuti dall'ultimo tiro la pressione sanguigna inizia a riassettarsi, con la frequenza cardiaca che scende, per tornare alla normalità nell'arco di sessanta minuti.

  • Dopo 12 ore - Il corpo si pulisce dall'eccesso di monossido di carbonio e i livelli di ossigeno tornano a salire.

  • Dopo 1 giorno - Già dopo 24 ore senza fumare il rischio di infarto e malattie coronariche da ipertensione da fumo tende a diminuire.

  • Dopo 2 giorni - Il fumo tende a danneggiare le terminazioni nervose responsabili di gusto e olfatto. Dopo 48 ore senza fumare si possono sentire meglio gli odori e i sapori.

  • Dopo 3 giorni - Dopo tre giorni i livelli di nicotina nel corpo sono esauriti, quindi arrivano irritabilità e mancanza di concentrazione. Il fisico è in piena crisi di astinenza e si sta riadattando.

  • Dopo 1 mese - In appena un mese la funziona polmonare inizia a migliorare e diminuiscono il fiato corto e la tosse.

  • Dopo 2-3 mesi - La circolazione sanguigna continua a migliorare.

  • Dopo 9 mesi - Le ciglia polmonari ricominciano a funzionare nel modo corretto, completamente ripulite dalla nicotina. Ci si ammala di meno e il muco viene trasportato fuori.

  • Dopo un anno - Un anno dopo aver smesso di fumare, il rischio di ictus e malattie coronariche si è dimezzato e più passa il tempo più migliora lo stato di salute generale.

I benefici dello smettere di fumare vanno visti anche a lungo termine. Dopo 5 anni senza fumare, il restringimento di vasi sanguigni e arterie migliora, riducendo il rischio di coaguli ematici e quindi di ictus. Tale rischio si riduce sempre di più nel corso dei successivi dieci anni.

Dopo una decade senza fumo, si riduce anche la possibilità di sviluppare cancro ai polmoni rispetto a qualcuno che continua a fumare. Dopo 20 anni, il rischio di morte per cause correlate al fumo, comprese le malattie polmonari e il cancro, scende al livello di una persona che non ha mai fumato.

  • shares
  • Mail