Intestino bloccato, rimedio immediato

In caso di intestino bloccato, esistono rimedi veloci e efficaci? O è meglio recarsi dal medico?

Intestino - Colon

Prima di andare a scoprire quale sia il rimedio immediato per un intestino bloccato, è bene fare chiarezza. Un conto è se si sta parlando di stipsi, un conto se c'è un'ostruzione o un blocco intestinale. Se c'è anche solo il sospetto di un'ostruzione intestinale, bisognerebbe evitare il fai-da-te e recarsi subito al Pronto Soccorso più vicino: un'ostruzione intestinale è un'emergenza medica che non deve essere trascurata in quanto può provocare lacerazioni e perforazioni intestinali con grave peritonite. Inoltre in caso di ostruzione intestinale, aumentare la peristalsi intestinale per cercare di defecare è una pessima idea: cosa succede quando abbiamo un tubo bloccato da un oggetto inamovibile e aumentiamo la forza per spingere via quel blocco? Che il tubo cede e si rompe. E quel tubo è l'intestino.

Bisogna distinguere bene i vari casi:

  • stipsi: feci e gas riescono a passare, anche se con difficoltà
  • subocclusione: si ha un blocco parziale con episodi acuti
  • pseudo occlusione: la stasi delle feci è provocata dalla riduzione della motilità intestinale
  • occlusione intestinale: emergenza chirurgica, si ha blocco totale e veloce dell'intestino con impossibilità di emettere feci e gas

Rimedi veloci per un intestino bloccato?

Se siamo in un caso di normale stipsi, ci sono diversi rimedi per cercare di risolvere la situazione:

  • bere più acqua: a volte una stipsi ostinata può dipendere dal fatto che non beviamo abbastanza acqua. Il contenuto intestinale in questo modo si disidrata. La stessa cosa accade quando mangiamo più fibre e verdure, convinti che aiutino la stitichezza, ma non aumentiamo il contenuto di liquido: le fibre, in questo caso, diventano ancora più secche peggiorando la stipsi
  • olio di oliva: bere uno o due cucchiai di olio di oliva al mattino dovrebbe favorire il transito intestinale
  • fichi e prugne: non funzionano in tutti i casi, ma in alcuni soggetti fichi e prugne aiutano il transito intestinale. Se si tratta di prugne o fichi secchi, prima di mangiarli è bene lasciarli a mollo nell'acqua una notte
  • infuso di cicoria: ha effetto lassativo
  • fare più movimento: camminare e fare attività fisica aiutano a rimettere in movimento un intestino troppo pigro
  • correzione della dieta: sul lungo periodo, sarebbe bene consultare un nutrizionista o un dietologo per correggere la propria alimentazione. Probabilmente la nostra dieta è carente di fibre insolubili e beviamo troppo poco

Ovviamente ci sono poi anche rimedi legati alla terapia tradizionale. Starà al medico valutare se, nell'immediato, utilizzare dei lassativi per liberare l'intestino. Ma attenzione: in Italia si tende ad abusare di lassativi. Il problema è che rimuovono il sintomo temporaneo, ma non la causa della stipsi. Utilizzati troppo di frequente, i lassativi tendono a non funzionare più, creano dipendenza e provocano iperpigmentazione della mucosa intestinale. Starà al medico valutare se prescrivere anche farmaci che regolano la motilità intestinale.

Cosa fare in caso di blocco intestinale vero?

In caso di vera occlusione intestinale, c'è solo una cosa da fare: andare al Pronto Soccorso più vicino. Se si manifestano sintomi come:

  • dolore addominale
  • vomito
  • impossibilità di emettere feci o gas
  • addome gonfio
  • febbre
  • difficoltà respiratorie

è possibile che ci sia un'occlusione intestinale (ostruzione meccanica, strozzamento, invaginamento...). Se c'è un'ostruzione intestinale vera, è probabile che sia necessario un intervento chirurgico per risolvere la causa dell'ostruzione. Ed è necessario farlo il prima possibile prima che compaiano le gravi complicanze:

  • perforazione dell'intestino
  • necrosi intestinale
  • shock
  • disidratazione
  • alterazioni dell'equilibrio acido-base
  • peritonite
  • sepsi
  • deficit coagulativi
  • arresto cardio-respiratorio

Foto | iStock

  • shares
  • Mail