Morelli, bufera sullo psicologo: donne, se gli uomini non vi guardano preoccupatevi

Morelli, bufera sullo psicologo: donne, se gli uomini non vi guardano preoccupatevi

Donne, se gli uomini non vi guardano è ora di preoccuparsi! Le parole dello psicologo Raffaele Morelli scatenano l'indignazione sul web.

Donne, se quando uscite da casa gli uomini non vi guardano, allora è il caso di preoccuparsi. Sarebbe questo il messaggio giunto alle orecchie degli ascoltatori di Radio RTL, che durante un’intervista allo psichiatra Raffaele Morelli hanno avuto il “piacere” di ascoltare una frase piuttosto sgradevole.

Inutile negarlo: sentirci dire che se gli uomini non ci guardano quando usciamo da casa, allora c’è qualcosa che non va, non fa piacere a nessuno, né alle donne che vengono costantemente bersagliate da sguardi e avances, né a quelle che vivono la loro vita in tutta serenità anche senza ricevere sguardi lascivi dai passanti. Ma cosa è accaduto esattamente durante la trasmissione? A dare inizio alla diatriba è stato un aforisma scelto dall’emittente RTL, che su Twitter ha condiviso la frase della scrittrice Françoise Sagan:

Un vestito non ha senso a meno che ispiri gli uomini a volertelo togliere di dosso.

Già di per sé possiamo affermare che questa frase, soprattutto pronunciata nel 2020, non ci trova d’accordo. Ad argomentarla ci avrebbe pensato poi lo psichiatra Raffaele Morelli, che durante il programma avrebbe spiegato:

Se una donna esce di casa e gli uomini non le mettono gli occhi addosso deve preoccuparsi, perché vuol dire che il suo femminile non è in primo piano. Puoi fare l’avvocato o il magistrato e ottenere tutto il successo che vuoi, ma il femminile in una donna è la base su cui avviene il processo. Il femminile è il luogo che suscita il desiderio. Le donne lo sanno bene, perché se la donna non si sente a suo agio con un vestito, torna in casa a cambiarselo. La donna è la regina della forma. La donna suscita il desiderio, guai se non fosse così.

Non c’è da sorprendersi se di fronte ad affermazioni del genere il popolo del web si sia indignato, non trovate? Che nel 2020 ancora si abbia una visione tanto sessista della donna è davvero avvilente. Tra l’altro non ci aspetteremmo mai che a fare affermazioni di questo tipo possa essere una persona che svolge il lavoro di psichiatra, una figura che può avere una grande influenza su chi lo ascolta, specialmente sulle giovani donne e sugli uomini.

Raffaele Morelli: lo scontro con Michela Murgia

Ad affrontare l’argomento è stata anche la scrittrice Michela Murgia, che durante la diretta a Radio Capital ha tentato di intervistare Morelli, ma con scarsi risultati, dal momento che le risposte dello psicologo hanno solo scatenato delle repliche taglienti da parte della scrittrice.

Se Morelli infatti aveva cercato di spiegare che “il femminile è la radice, in una donna: un dato ontologico”, aggiungendo che c’è una ragione se le bambine giocano con le bambole, mentre i bambini non lo fanno, la Murgia ha replicato che magari se dessimo delle bambole ai bambini, anche loro ci giocherebbero.

Tu sei qui per farmi domande cretine?

È questa la replica dello psichiatra, che al termine di un breve battibecco (durante il quale ha “ordinato” alla donna di stare “Zitta” e di ascoltare), ha interrotto bruscamente la telefonata.

via | Corriere

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog