5 cause di recessione gengivale da evitare

La recessione gengivale è quel fastidioso disturbo che provoca il ritiro delle gengive e lascia i denti scoperti. Scopri le cause da evitare!

La recessione gengivale è una condizione che provoca l'arretramento delle gengive verso la radice dei denti, dando vita a fenomeni come l'ipersensibilità, dolore, sanguinamento, infiammazione e piorrea. In casi molto gravi e trascurati si può arrivare fino alla perdita del dente o dei denti coinvolti.

La recessione gengivale è un fenomeno molto comune, che si risolve principalmente grazie al ripristino di una corretta igiene orale e alla modifica di alcune abitudini di vita. In caso di recessione gengivale importante e non curabile, è possibile ricorrere a interventi di tipo chirurgico per il trapianto di gengiva o impianto dentale.

Ecco le 5 principali cause di recessione gengivale da evitare:


  1. Spazzolino duro: bisogna utilizzare uno spazzolino extra-soft, spazzolare i denti almeno tre volte al giorno con delicatezza.

  2. Fumo e tabacco da masticare: due abitudini che incentivano l'arretramento delle gengive.

  3. Alcol: le bevande alcoliche e i cibi molto acidi indeboliscono i denti e infiammano le gengive.

  4. Non usare il filo interdentale: tra i denti si depositano batteri che attaccano lo smalto e favoriscono il ritiro delle gengive.

  5. Dentifrici con Sodium Lauryl Sulfate: gli SLS o SLES sono agenti schiumogeni che attaccano denti e gengive e si trovano in quasi tutti i dentifrici di largo consumo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail