Avere un animale fa bene anche al cuore

Le donne over 50 che hanno un animale domestico potrebbero correre meno rischi di morire per malattie cardiovascolari come l'ictus. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Animale in casa

Avere un animale domestico riduce il rischio di morire per malattie cardiovascolari. Questo è quanto emerge da un nuovo studio della Georgia Southern University condotto su un campione di 4000 adulti senza malattie importanti. I partecipanti hanno riportato dettagli in merito alla loro attività fisica, peso, altezza ed eventuali e fattori di rischio per la salute come il fumo di sigaretta. Inoltre, ogni partecipante ha dichiarato l'eventuale presenza, in casa, di animali domestici. Analizzando i dati raccolti, sarebbe emerso che circa il 35% dei partecipanti aveva un animale domestico.

Secondo i dati, a partire dal 2006, 11 persone ogni 1.000 che non avevano animali da compagnia erano morti per eventi cardiovascolari, mentre per quanto riguarda coloro che avevano un animale domestico, i casi di morte per eventi cardiovascolari avrebbero riguardato 7 persone su 1000. Per quanto riguarda il rischio di ictus, sembra che a beneficiare della presenza di un animale domestico siano state più le donne che gli uomini. Gli uomini che avevano animali presentavano infatti le stesse probabilità di decesso, mentre le donne avevano il 40% in meno del rischio di morte per ictus.

Dal canto loro, gli autori della ricerca sottolineano che lo studio non è volto a convincere le persone a prendere un animale, gatto o cane che sia, poiché, come sottolineano gli esperti:

Gli animali domestici fanno bene, ma devono essere tenuti in modo responsabile.

via | Healthnewsline.net

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail