Psicologia, i motivi per cui è importante avere degli obiettivi di vita

Avere degli obiettivi di vita è certamente importante. Scopriamo insieme il perché.

Obiettivi di vita

Psicologia – Forse non ci avete mai fatto caso o ancora non ci avete mai riflettuto più di qualche secondo, ma avere degli obiettivi nella propria vita è senza dubbio una cosa importante, perché ci porta a impiegare la nostra attenzione e le nostre energie per portare a termine un progetto per noi importante. Si può dire che avere degli obiettivi di vita può dare, effettivamente, un senso alla nostra esistenza. Generalmente, quando veniamo “investiti” dalla classica crisi di mezza età (che non necessariamente giunge a 40 anni, ma che può arrivare anche a 30, 50 o 60 anni) ci domandiamo cosa abbiamo fatto nella nostra vita, e quali obiettivi abbiamo raggiunto fino a questo momento.

Rendersi conto di non avere dei veri obiettivi può lasciarci confusi e spaesati, e può farci venir voglia di stilare una di quelle classiche liste con tutte le cose da fare prima dei 30 anni, prima di sposarsi, e perché no, anche prima di morire. Per riuscire a stilare una lista concreta, è però necessario scegliere degli obiettivi realistici, per evitare di andare incontro a delusioni e sicuri fallimenti.

Certo, questo non significa che la gente dovrebbe evitare di puntare in alto, ma bisognerebbe sempre usare il buon senso. Creare un elenco di obiettivi vita può essere anche piuttosto divertente, a patto che proviamo a realizzarlo con criterio, sapendo da dove cominciare.

Per far ciò, gli esperti consigliano di usare il cosiddetto Metodo SMART, dove:

  • S sta per “creare obiettivi Specifici”: invece di scrivere che "volete stare bene”, scegliete un obiettivo chiaro che vi aiuti a raggiungere questo obiettivo, come fare lo sforzo di mangiare frutta e verdura ogni Lunedi, mercoledì e venerdì, o fare meditazione, esercizi di rilassamento, essere più ottimisti e così via.
  • M sta per “creare obiettivi Misurabili”: ad esempio, se il vostro obiettivo è quello di scalare l'Everest, saprete di esserci riusciti quando avrete raggiunto la cima della montagna.
  • A sta per “creare obiettivi Raggiungibili” (“Attainable” in inglese): come abbiamo detto, è importante essere realistici, ma anche scegliere un obiettivo non troppo facile, perché si rischierebbe di perdere interesse per l'obiettivo. Lo stesso vale per gli obiettivi troppo difficili.
  • R sta per “creare obiettivi Rilevanti per voi”: l'obiettivo deve significare qualcosa per voi, o non sarete più motivati a dare il massimo per raggiungerlo.
  • T sta per “limitato nel Tempo”: gli obiettivi non devono durare per sempre, ma bisogna prefissarsi un tempo stabilito entro cui raggiungerli

Infine, bisogna ricordare che anche la flessibilità gioca un ruolo importante quando si parla di obiettivi. Alcuni eventi possono essere fuori dal nostro controllo, come ad esempio la perdita di un posto di lavoro o la rottura di una gamba. Tali eventi potrebbero far sì che il nostro obiettivo debba essere posticipato, se non addirittura cambiato o annullato quindi, quando e se necessario, cercate di essere flessibili.

E con questo, non vi rimane che riflettere sulle priorità della vostra vita e provare a fare una lista di obiettivi per voi importanti!

via | WebMd

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail