Centro Meteo Lombardo: il social network del tempo

Centro Meteo Lombardo: il social network del tempo

Internet ha rivoluzionato la concezione del tempo. Non è solo un modo dire, perché la rete ha aperto a parecchi appassionati il mondo della meteorologia. Fino ad alcuni anni fa esistevano solo pochi bollettini, ma oggi in Italia esistono siti gestiti da appassionati che non hanno nulla da invidiare a quelli professionali. Raccolgono mappe per […]

Internet ha rivoluzionato la concezione del tempo. Non è solo un modo dire, perché la rete ha aperto a parecchi appassionati il mondo della meteorologia. Fino ad alcuni anni fa esistevano solo pochi bollettini, ma oggi in Italia esistono siti gestiti da appassionati che non hanno nulla da invidiare a quelli professionali.

ossona1sshot-1.jpg Raccolgono mappe per elaborare previsioni, radar per le precipitazioni e forum di discussione, ma soprattutto offrono in tempo reale la situazione del tempo grazie a stazioni che rispondono alle norme dell'Organizzazione Mondiale per la Meteorologia.

Minuto per minuto Quasi tutto il Paese è coperto: siti come meteoliguria.it, meteotoscana.it e meteoveneto.it sono dei punti di riferimento. Il più attrezzato è però quello del Centro Meteo Lombardo, che all'indirizzo www.centrometeolombardo.com/temporeale.php offre una cartina in tempo reale con quasi 250 stazioni ubicate in Lombardia e zone limitrofe, che poi vengono archiviati quotidianamente in una banca dati. In tutta Europa non esiste una regione così monitorata.

sedriano1shot-1.jpg Emozioni "E' la passione – spiega Tommaso Grieco, uno dei previsioni dell'associazione,- la molla che ci spinge. Ci rimettiamo tempo e soldi, ma per noi assistere a una nevicata o a un temporale è un'emozione impagabile. Acquistiamo le stazioni in Usa perché costano meno (600-700 euro circa), poi ci occupiamo della manutenzione di pluviometri, termometri e di tutti i componenti. Esistono regole precise: ad esempio la stazione deve essere installata verso sud per prendere sempre la luce solare e se è posta su prato l'erba non dev'essere alta per non falsare il dato sull'umidità. Ci impegniamo al massimo per divulgare la meteorologia ed è bello vedere sempre più gente coinvolta".

mezzovico1sshot-1.jpg Rete professionale – Il Centro Meteorologico Lombardo, fondato nell'Aprile del 2000, è diventato dal 2006 una Associazione Culturale, con una crescita esponenziali di contatti sul proprio sito. In effetti chi si collega a www.centrometeolombardo.com ha tutto il necessario per monitorare costantemente il tempo della Lombardia: previsioni dettagliate, estremi di precipitazioni e temperature del giorno prima, articoli e analisi di approfondimento. Una vera droga per gli appassionati del tempo. Una vera chicca è il forum (www.meteoforum.com) dove i revisori del sito o semplici appassionati si ritrovano ad analizzare i dettagli delle carte meteo. Il tutto nella speranza di vivere eventi estremi: nevicate, ondate di freddo record, temporali stile tornado. Già, perché da quelle parti l'equazione sole e caldo = bel tempo non va per la maggiore. "Il CML – confessa il presidente dell'associazione Andrea Bosoni è cresciuto di pari passo con l'evoluzione delle tecnologie. Nel 2000 era impensabile avere una cartina in tempo reale come la nostra perché le linee Adsl non esistevano. Ora il passo futuro sarà avere stazioni in cartina senza l'ausilio di un pc collegato e acceso 24 ore al giorno. Ci stiamo già lavorando: ad oggi 8 stazioni sono già in rete con connessione diretta alla linea adsl".

Dilettanti che sbaragliano – L'entusiasmo è evidente dalle sue parole: Andrea, come tutti i soci, sottrae tempo alla sua vita privata per portare avanti un progetto che non ha eguali. E' lui che si occupa di individuare i posti meteorologicamente più interessanti per installare le stazioni, da affidare poi a persone fidate. Nessuno si può permettere di non essere preciso con la manutenzione dei dati, altrimenti l'unica e preziosa banca dati sul clima della Lombardia sarebbe compromessa. Un'associazione del genere batte alla distanza centri meteo professionali, spesso più approssimativi nelle previsioni. E difatti fanno finta che il CML non esista.

di Jacopo Gerna

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog