Le cause delle cisti mammarie e la terapia per combatterle

Le cisti mammarie sono una condizione che interessa perlopiù le donne. Ecco di cosa si tratta, quali sono i sintomi e quali i trattamenti più indicati.

Cisti mammarie


Le cisti mammarie sono delle formazioni benigne che si presentano sul seno. Ad essere più colpite sono generalmente le donne al di sopra dei 30 anni, e la possibilità di sviluppare tali formazioni si riduce progressivamente con l’arrivo della menopausa. Generalmente, in base alle loro dimensioni, le cisti possono essere avvertite durante l’autopalpazione (risulteranno leggermente mobili al tatto, di consistenza morbida, grandi come un chicco d’uva, di forma ovoidale e con margini definiti), ed in linea generale non devono destare eccessiva paura.

Normalmente infatti solo una piccolissima percentuale di cisti mammarie è collegata ad un tumore. Ciò però non esclude che chi presenta tali formazioni debba comunque sottoporsi a regolari controlli dallo specialista senologo, per scongiurare qualsiasi rischio.

Generalmente le cisti mammarie non presentano alcun sintomo, e sono avvertite dalla donna durante l’autopalpazione del seno. I sintomi possono invece manifestarsi per quanto riguarda le cisti più grandi (una cisti più arrivare anche ad una dimensione di diversi centimetri), che possono provocare una sensazione di dolore e fastidio nella parte.

In tal caso, lo specialista potrà consigliare di eseguire l’agocentesi, ovvero un prelievo sotto guida ecografica per prelevare ed esaminare il contenuto della cisti.

Mediante questo tipo di esame sarà al tempo stesso possibile esaminare il contenuto della cisti, e svuotarla, riducendone così il volume. L’asportazione della cisti mammaria rappresenta un’opzione abbastanza rara.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Humanitas.it

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail