Ceretta al miele per donne con fragilità capillare

La ceretta a caldo è sconsigliata alle donne che hanno problemi circolatori, il trattamento al miele però è molto delicato e ben tollerato.

Le donne che soffrono di fragilità capillare dovrebbero evitare la ceretta a caldo, perché rischiano con il calore e lo strappo di peggiorare la salute delle proprie gambe. Premesso questo, la ceretta resta un metodo abbastanza delicato ed è sicuramente tra le più indicate per le signore che nonostante le vene scelgono comunque questo metodo aggressivo ed efficace di depilazione.

ceretta

Le cerette a caldo sono costituite da un mix di sostanze (soprattutto resine e cere) che vengono riscaldate e spalmate sulla pelle: una volta stese bisogna appoggiare una striscia di stoffa o di carta/tessuto e strappare i peli nel senso inverso della crescita. Ogni mix di cera ha componenti diverse: il miele è famoso per essere molto delicato sulla cute.

Potete provare oltre alla classica che abbiamo appena descritto, quella orientale. Come funziona? Assomiglia a quello al caramello. Dovete sciogliere 300 grammi di zucchero bianco, 100 grammi di miele, 100 ml di acqua e il succo di messo limone in un tegame anti-aderente. Deve diventare ambrata e densa. Quando vi sembra pronta, spegnete il fornello e lasciatela intiepidire. Non va usata bollente.

L’uso è il medesimo delle cere industriali, ma questa resta molto più delicata e meno aggressiva sulla pelle. Mi raccomando alla temperatura. Deve essere appena tiepida, perché è fondamentale che non sia vaso dilatativa. La cosa più importante non sono i peli, ma i capillari. Dopo aver terminato il trattamento, ricordate di rimuovere i residui con dell’olio per il corpo o anche dell’olio d’oliva e poi applicate un gel lenitivo.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto | Pinterest

  • shares
  • Mail