Il rene policistico in gravidanza: quali sono i rischi?

Il rene policistico dell'adulto è una patologia nefrologica di una certa serietà che può creare delle complicanze in gravidanza. Vediamo quali sono i rischi



Il rene policistico dell'adulto è una malattia genetica che comporta, alla lunga, una compromissione della funzionalità renale e, in parte, epatica. Le persone che sviluppano questa patologia nefrologica - 1 su mille - manifestano i sintomi tra i 30 e i 40 anni, e con l'avanzare dell'età sono anche le più a rischio di insufficienza renale, soprattutto dopo i 50 anni, cosa che spesso rende necessario il ricorso alla dialisi.

I reni policistici sono più grandi del normale (possono arrivare a pesare fino a 4 kg l'uno), e si ricoprono di cisti multiple piene di liquido che tendono ad ingrandirsi andando ad inficiare la funzionalità dell'organo.

Rayen Luna Solar, 27,  33-week pregnant,

In genere chi soffre di rene policistico è anche colpito da policistosi epatica, ma quest'organo patisce meno il disturbo perché è in grado, in parte, di rigenerare i propri tessuti. La sindrome del rene policistico dell'adulto dà sintomi come pressione alta, dolore alla schiena o al fianco, ematuria (sangue nelle urine), e maggiore predisposizione a infezioni urinarie, soprattutto cistiti, e calcolosi.

Una donna che soffra di rene policistico può portare avanti una gravidanza, e se sì, quali sono i rischi? Molte donne, soprattutto giovani, con questa malattia genetica restano incinte senza problemi, e in effetti spesso scoprono di avere problemi renali solo a gravidanza incominciata.

Infatti i sintomi in età giovanile sono sfumati perché la malattia si aggrava dopo i 30 anni, quindi le analisi delle urine o l'ecografia, esami necessari in gravidanza, possono far sospettare la cosa ai medici. In questi casi la donna deve essere attentamente monitorata, seguire una dieta iposodica e leggera, e stare molto attenta a evitare infezioni urinarie, soprattutto cistiti (che in dolce attesa sono più facili).

Il problema maggiore è determinato dall'ipertensione, che a causa della gravidanza può aggravarsi. La fertilità di donne e uomini con rene policistico non è compromessa, ma è comunque meglio, per una donna, non sottoporre il fisico ad uno sforzo così importante soprattutto tra i 35 e i 40 anni, quando i sintomi della patologia si fanno sentire. E' anche importante considerare che ci sono buone probabilità di trasmettere la sindrome al proprio bambino.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail