Insolazione in gravidanza, come prevenirla e curarla

Cosa fare in caso di insolazione in gravidanza? Ecco tutto quello che c'è da sapere per poter prevenire l'insolazione e non solo durante la gestazione e come si può curare questo tipico disturbo dell'estate.

Insolazione in gravidanza

L'insolazione è un disturbo piuttosto comune, che si manifesta con un surriscaldamento della temperatura del nostro corpo: quando stiamo troppo tempo sotto i raggi del sole, il nostro organismo può subire diversi danni. Se la pelle non è protetta con le giuste creme solari, possiamo rischiare scottature, ma anche il caldo può giocare brutti scherzi, provocando un innalzamento della temperatura corporea che porta con sè diversi sintomi e disturbi. E in gravidanza questi potrebbero essere accentuati dal nostro stato delicato.

L'insolazione si manifesta con sintomi ben precisi: pelle calda, febbre alta, bolle, eritemi, prurito, bruciore, lacrimazione, fotofobia, emicrania, dolore intenso alla testa, vertigni, sudorazione, nausea, vomito, sete eccessiva e anche svenimenti. Si tratta di sintomi che possono essere più o meno gravi e che durante la gravidanza possono mettere in allarme la futura mamma, soprattutto per quello che riguarda la febbre, che può essere anche molto alta.

Proprio le donne in gravidanza, così come i bambini e gli anziani, devono fare molta attenzione, non esponendosi al sole nelle ore più calde della giornata, rimanendo all'ombra o in luoghi freschi se le temperature si fanno alte e proteggendo sempre il proprio corpo con cappelli a falda larga e abiti in materiali leggeri e naturali, possibilmente di colori chiari. Proteggete anche i vostri occhi dal sole, proprio come fate con la pelle.

Se, però, il danno è già fatto, ecco cosa fare. Non appena avvertite qualcosa che non va mettetevi all'ombra e al fresco, bevete, cercate di togliere i vestiti in eccesso, fate degli impacchi freddi sulla fronte, sulle tempie, all'inguine, sui polsi, per abbassare un po' la temperatura del corpo. Se la situazione è più grave, chiamate subito il 118.

Foto | da Flickr di montseprats

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail