Rutta in continuazione, uomo cerca aiuto su YouTube: "Questa non è vita"

Il problema è comparso dopo un intervento chirurgico e sembra non trovare nessuna spiegazione fra le possibili cause di eruttazione cronica

Due anni fa si è svegliato dopo un intervento chirurgico con un problema davvero imbarazzante: rutta in continuazione. Oggi Ronald Johnson, veterano di Venice (Stati Uniti), ha pubblicato un video su YouTube in cui lancia una disperata richiesta d'aiuto. Quella di cui soffre è, in effetti, una vera e propria condizione medica che potrebbe essere definita eruttazione cronica, ma che in realtà sembra non trovare una spiegazione fra tutte le cause note di eruttazione.

Fra le ragioni più comuni dell'espulsione di gas dalla bocca c'è la semplice ingestione di aria che può avvenire quando si mangia o si beve troppo velocemente, oppure quando si masticano chewing gum o si bevono bevande gassate. Altre volte l'eruttazione è associata a disturbi e malattie gastrointestinali come rallentamenti dello svuotamento gastrico o ostruzioni delle valvole gastriche, un'ernia iatale o il reflusso acido. Condizioni che alterano il processo digestivo possono addirittura far diventare il problema cronico.

Il disturbo di Johnson sembra però inspiegabile da qualsiasi punto di vista. Come spiega (e mostra) l'uomo nel video in apertura di questo articolo il suo problema è continuo, incontrollabile e peggiora dopo i pasti. Nonostante le numerose visite mediche, i medicinali assunti e le analisi cui si è sottoposto Johnson non ha trovato né una spiegazione alle continue eruttazioni, né dei trattamenti che lo aiutino a tenere a bada il sintomo a lungo termine.

L'unico momento in cui si ferma

racconta l'uomo

è quando mi sdraio, ma non se ne va completamente.

Joette Giovinco, medico e giornalista di FOX 13 News che ha parlato con Johnson del suo problema, ha spiegato:

una delle cose cui ho pensato è un problema neurologico. Qualcosa in cui un nervo potrebbe essere irritato. Continua a mandare un segnale. Questo segnale arriva ai muscoli, e a questo punto si generano queste contrazioni incontrollate una volta e poi ancora e ancora un'altra volta.

Il problema è aggravato dal fatto che non avendo un'assicurazione medica Johnson deve pagare completamente di tasca sua tutte le analisi costose cui si deve sottoporre. Anche per questo spera che qualcuno lo possa aiutare dopo aver visto il suo video-appello e lascia un indirizzo e-mail al quale contattarlo nel caso in cui qualcuno (medico oppure no) creda di avere informazioni che possano aiutarlo: rjsk_42@yahoo.com.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail