Abbronzatura artificiale, i possibili rischi delle lampade

L'abbronzatura artificiale fa bene alla salute della nostra pelle? C'è chi sostiene che può aiutarci ad evitare i danni derivanti dalle prime esposizioni alla luce del sole, ma fate attenzione ai rischi derivanti dall'uso delle lampade.

L'abbronzatura artificiale è meglio o peggio di quella presa sotto il sole? Bisogna sempre valutare i pro e i contro quando si decide di far prendere un colorito dorato alla propria pelle: se è bene proteggerla durante l'esposizione ai raggi solari, è altrettanto importante prendere tutte le precauzioni del caso anche con le lampade. I rischi potrebbero essere molti.

Partendo dal presupposto che bisogna sempre affidarsi ad un centro qualificato, seguendo con scrupolo tutte le indicazioni (utilizzo della crema protettiva prima e della crema idratante dopo, utilizzo degli occhiali per proteggere gli occhi dai raggi artificiali), bisogna fare attenzione perchè i rischi per la pelle possono essere molti.

Sono molti gli esperti che mettono in allarme in merito ad un'esposizione eccessiva alle lampade abbronzanti, soprattutto in età più giovane: si corre il rischio di aumentare le possibilità di contrarre tumori della pelle, come i melanomi. Un rischio da non sottovalutare soprattutto nei soggetti sotto i 30 anni, tra i quali il rischio è più alto del 75% rispetto a coetanei che non si espongono all'abbronzatura artificiale.

Inoltre corriamo il rischio di un invecchiamento precoce della pelle, della formazione di rughe, di macchie simili a quelle solari.

Il consiglio è quello di non esagerare: proprio come avviene con l'esposizione al sole, bisogna prestare molta attenzione, non dimenticandoci mai che la prevenzione è sempre molto importante. Non abusate delle lampade solari e proteggete sempre la pelle con una crema adatta al vostro fototipo.

Abbronzatura artificiale

Foto | da Flickr di evilerin

Via | Consumatorenews

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail