Internet, boom di richieste per il test di paternità

Internet, boom di richieste per il test di paternità

Basta un click per avere la certezza che metà del patrimonio genetico di tuo figlio sia uguale al tuo. O che non lo sia. Il kit per il test di paternità spopola su Internet: dal 2004 ad oggi le richieste on-line sono aumentate del 300%. Sono centinaia i siti che propongono il test genetico, quelli […]

Basta un click per avere la certezza che metà del patrimonio genetico di tuo figlio sia uguale al tuo. O che non lo sia.

Il kit per il test di paternità spopola su Internet: dal 2004 ad oggi le richieste on-line sono aumentate del 300%. Sono centinaia i siti che propongono il test genetico, quelli italiani sono già una ventina, che però spesso si appoggiano a laboratori esteri. (Foto tratta da Flickr, Silvia de Luque)

Il necessario per eseguire il test comodamente da casa arriva per posta, in un pacchetto anonimo. Contiene due tamponi, che vanno strofinati nella bocca del genitore e del bambino. Per l'esito sono necessarie dalle 48 ore agli otto giorni, ma il risultato è attendibile nel 99,9% dei casi, salvo scambi di tampone in laboratorio. I prezzi, di solito, vanno dai 200 ai 600 euro.

I dati europei fanno riflettere: un tedesco su 4000 richiede il test, nella Repubblica Ceca la media si abbassa a uno ogni 1000. In Italia è difficile fare statistiche perché chi fa il test non vuole ammetterlo.

Uomini sempre più timorosi di infedeltà e tradimenti? Oppure semplicemente più informati, che sanno di poter contare su tecniche un tempo impensabili?

Le richieste che arrivano ai laboratori sono le più disparate: dal padre di famiglia che viene contattato da una ventenne che si dichiara sua figlia alla donna che ha avuto più di un partner ed è incerta sulla paternità del bimbo.

Attenzione, però: il certificato è legalmente valido solo se il test è stato eseguito con il consenso di entrambi i genitori, altrimenti viene considerato un semplice foglio informativo.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog