I sintomi della polimialgia reumatica, le cause e le speranze di guarigione

La polimialgia reumatica è una particolare malattia di tipo reumatico che colpisce principalmente gli anziani, in zone come collo, muscoli del cingolo prossimali, anca, gambe e avambracci.

Che cosa si intende per polimialgia reumatica? Stiamo parlando di una malattia reumatica che colpisce soprattutto i pazienti con più di 50-60 anni, con 1 caso su 1000 persone. Le cause non sono ancora del tutto note, anche se gli studiosi parlano di possibile nesso con malattie infettive precedenti che possono aver scatenato tale patologia. Malattia reumatica che colpisce donne e uomini, ma che ha un'incidenza maggiore su questi ultimi.

I sintomi della polimialgia reumatica sono dolore, rigidità, soprattutto a carico dei muscoli del collo, delle spalle, delle cosce. Altri segnali possono essere difficoltà e limitazione nei movimenti, anche in gesti comuni come alzare le braccia, vestirsi, pettinarsi, alzarsi dalla posizione seduta, portare pesi o salire le scale. C'è chi lamenta anche dolore diffuso, febbriciattola, stanchezza, inappetenza, calo del peso corporeo. Spesso la polimialgia reumatica si associa anche ad arterite di Horton.

Dopo aver diagnosticato la polimialgia reumatica, con una visita specialistica dal reumatologo e altri esami diagnostici, come ad esempio delle analisi del sangue, il medico potrebbe consigliare una terapia a base di cortisone. Il soggetto va seguito con costanza, per evitare che ci possano essere delle ricadute, ma solitamente dopo qualche settimana i sintomi dolorosi scompaiono del tutto. La terapia della polimialgia reumatica viene così ridotta, anche se deve essere seguita per almeno un anno o almeno per sei mesi.

Nei soggetti molto anziani bisogna fare molta attenzione alla presenza anche di altre patologie legate.

polimialgia reumatica

Foto | da Flickr di photosbystan

Via | reumatologia

  • shares
  • Mail