Influenza d’estate? Impossibile, uno studio lo dimostra

Influenza d’estate? Impossibile, uno studio lo dimostra

Anche il virus dell'influenza soffre il caldo. Ed è per questo che è impossibile ritrovarsi a letto con l'influenza d'estate. Lo dimostra uno studio dei National Institutes of Health statunitensi capitanati da Joshua Zimmerberg, pubblicato dalla rivista Nature Chemical Biology. Il virus è protetto da uno strato di grasso, una sostanza semi-solida e gelatinosa, che […]

Anche il virus dell'influenza soffre il caldo. Ed è per questo che è impossibile ritrovarsi a letto con l'influenza d'estate. Lo dimostra uno studio dei National Institutes of Health statunitensi capitanati da Joshua Zimmerberg, pubblicato dalla rivista Nature Chemical Biology.

Il virus è protetto da uno strato di grasso, una sostanza semi-solida e gelatinosa, che durante l'inverno lo mantiene intatto mentre si trova nell'ambiente esterno e che si scioglie ad una certa temperatura.

Normalmente, nella stagione fredda, questo avviene all'interno delle vie respiratorie: il virus rimane privo del suo strato protettivo ma si trova in un ambiente per lui ottimale, abbastanza caldo da consentirgli di sopravvivere, riprodursi e scatenare un'infezione.

Ma nella stagione calda, quando il termometro comincia a salire, lo strato di grasso si scioglie mentre il virus si trova nell'ambiente esterno, lasciandolo privo di protezione e provocandone, quindi, la morte.

Prima di questo studio si pensava che l'influenza fosse un malanno tipicamente invernale per via del sistema immunitario indebolito dalla riduzione di vitamina D e di melatonina oppure per la tendenza invernale a stare in ambienti chiusi e sovraffollati, dove aumentava la probabilità di diffusione del virus.

Grazie a sofisticate tecniche di microscopia e risonanza i virologi americani hanno identificato e studiato la pellicola protettiva che riveste il virus: grazie a questa scoperta – assicurano – si apriranno nuove possibilità di contrastare il virus e di controllare meglio le stagioni influenzali.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog