Benessereblog Alimentazione Pomodoro, elisir di lunga vita

Pomodoro, elisir di lunga vita

All’interno della dieta mediterranea, benché esso giunga direttamente dal Sud America, il pomodoro occupa un posto di rilievo: è uno degli alimenti essenziali. Se si pensa poi alle qualità che possiede e ai benefici che è in grado di produrre, la sua presenza sulle nostre tavole è a dir poco indispensabile.Il pomodoro è una miniera […]

Pomodoro, elisir di lunga vita

All’interno della dieta mediterranea, benché esso giunga direttamente dal Sud America, il pomodoro occupa un posto di rilievo: è uno degli alimenti essenziali. Se si pensa poi alle qualità che possiede e ai benefici che è in grado di produrre, la sua presenza sulle nostre tavole è a dir poco indispensabile.

Il pomodoro è una miniera di salute. Tra le sostanze salutari contenute troviamo il betacarotene (che viene trasformato in vitamina A dal nostro corpo), un potente antiossidante che combatte i radicali liberi, l’invecchiamento e rafforza il sistema immunitario; inoltre, è un elemento necessario per la crescita ossea, per la salute dei denti e delle mucose e per la nostra pelle.

Ma è anche una buona riserva di vitamina C, di sali minerali (potassio in particolare), di acidi lattico, arabico e malico (che facilitano la digestione e sono ottimi disintossicanti per il corpo). Infine, la presenza di altri gruppi di vitamine, quali la B, la K, la E, lo rendono un perfetto prodotto per la salute e la bellezza.

Insomma, il pomodoro è un vero e proprio elisir di lunga vita. Unico accorgimento? meglio i pomodori rossi che quelli acerbi utilizzati per l’insalata. Ma, attenzione, mai troppo maturi perché in essi si forma l’antienzima ascorbasi che degrada la vitamina C.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cosa deve e non deve mangiare chi ha l’anemia mediterranea
Malattie

Chi ha l’anemia mediterranea, anche in base alla gravità della patologia del sangue, che è ereditaria e può essere trasmessa ai propri figli, deve prestare massima attenzione agli alimenti ricchi di ferro, per evitare accumuli. Il ferro è presente in alimenti di tipo animale e di tipo vegetale, anche se l’assorbimento è maggiore nei primi rispetto ai secondi e varia anche in base alle condizioni di salute di ogni paziente.