Benessereblog Salute Corpo Per un cervello più attivo basta bere un bicchiere d’acqua

Per un cervello più attivo basta bere un bicchiere d’acqua

Sgomberando la mente dal pensiero della sete la sua velocità aumenta del 14%

Per un cervello più attivo basta bere un bicchiere d’acqua

Bere non rende solo più belli, ma anche più intelligenti. Infatti oltre a combattere la ritenzione idrica una corretta idratazione aumenta anche la velocità di reazione del cervello, probabilmente perché elimina dalla mente i segnali che indicano il bisogno di bere permettendole di concentrarsi su altri compiti.

La dimostrazione di questo fenomeno arriva dall’University of East London, dove un gruppo di ricercatori ha chiesto a 34 fra uomini e donne di partecipare, dopo una nottata trascorsa a digiuno e senza bere, ad una serie di test per due volte: la prima dopo aver fatto colazione con una barretta di cereali, la seconda dopo aver mangiato la stessa barretta, ma inzuppata in una bottiglia d’acqua. I risultati degli esperimenti, pubblicati sulla rivista Frontiers in Human Neuroscience, dimostrano che dopo essersi dissetati il cervello lavora il 14% più velocemente. Infatti i partecipanti che hanno dichiarato di essere assetati durante i primi test sono riusciti a svolgere più rapidamente i test sulla velocità di reazione dopo aver mangiato la barretta inzuppata nell’acqua. Chi, invece, non aveva sete durante il primo esperimento non ha migliorato le sue performance nel secondo.

Secondo i ricercatori

questi risultati sono compatibili con l’ipotesi che il consumo di acqua liberi le risorse d’attenzione che sarebbero altrimenti occupate a processare la sensazione di sete.

Un buon motivo in più per accettare i consigli degli esperti, secondo cui bisogna bere anche quando non si ha sete garantendosi sempre almeno 6-8 bicchieri di acqua al giorno. In questo modo non ci si troverà mai né disidratati, né con il cervello troppo concentrato sulla sete per pensare a come affrontare i compiti di quotidiani.

Via | Daily Mail

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.