Benessereblog Alimentazione Obesity Day 2013: l’importanza della nutrizione contro l’epidemia di obesità

Obesity Day 2013: l’importanza della nutrizione contro l’epidemia di obesità

Responsabilità collettiva e politica, importanza dell'alimentazione e diabete sono le tematiche su cui si concentra la giornata dedicata alla prevenzione e alla cura dell'obesità

Obesity Day 2013: l’importanza della nutrizione contro l’epidemia di obesità

Anche quest’anno il 10 ottobre si celebra l’Obesity Day, un’iniziativa dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (Adi) mirata alla prevenzione e alla cura di sovrappeso e obesità. Fra gli obiettivi principali del progetto è incluso sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi associati a queste condizioni e sul fatto che non si tratta di problemi estetici ma di salute. Problemi, sottolinea l’Adi, le cui responsabilità non devono ricadere solo sul singolo individuo, ma soprattutto alla sfera collettiva e politica.

Giuseppe Fatati, coordinatore dell’Obesity Day, sottolinea che

è innegabile che la società contemporanea fornisce un’ampia gamma di occasioni per consumare cibi e bevande. Si tratta di una forma di consumo facile che può condurre inavvertitamente al cosiddetto “iperconsumo passivo”, in cui i soggetti non si accorgono di mangiare prodotti ad alta densità energetica e in quantità eccessiva. Negli ultimi 50 anni tutto è cambiato. Soprattutto, si sono profondamente modificati i costumi e i comportamenti alimentari. Le eccedenze alimentari di alcuni prodotti hanno poi indotto strategie di marketing per aumentarne il consumo con sofferenza di alcuni comparti quali cereali, frutta e vegetali. Il rapido evolversi in senso negativo della situazione richiede soluzioni e interventi strutturali innovativi.

Un accento sul diabete

Altro obiettivo dell’Obesity Day è sottolineare l’importanza di un’efficiente rete di strutture di Dietetica e nutrizione Clinica per combattere efficacemente patologie come il diabete di tipo 2, per cui l’obesità rappresenta il maggior fattore di rischio.

In Italia la prevalenza di questa patologia è aumentata dell’1,8% negli ultimi 12 anni sia a causa dell’invecchiamento della popolazione, si per la sempre maggiore incidenza dell’obesità.

Molto si è dibattuto sulle strategie nutrizionali e terapeutiche per il raggiungimento del controllo del peso e del buon controllo metabolico, nelle persone con diabete tipo 2, considerando che il dimagrimento è il più importante obiettivo non solo terapeutico ma anche di prevenzione

spiega Fatati, aggiungendo:

La Nutrizione Clinica deve essere inserita a pieno titolo nei percorsi di diagnosi e cura.

Risulta evidente la necessità di investire sulle strutture di Dietetica e Nutrizione Clinica se si vuole affrontare realmente il problema obesità e limitare i costi legati alle patologie correlate come il diabete. Tali strutture però sono spesso misconosciute anche agli operatori del sistema Sanità e la loro forza di intervento sottovalutata anche da chi è deputato a dettare la programmazione sanitaria nazionale e regionale.

Vogliamo puntare l’attenzione su tutti i problemi connessi alla piaga dell’obesità e proporre interventi ad alto impatto e ad alta resa.

Via | Comunicati stampa

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

La miglior dieta per aumentare massa muscolare
Dieta sana

Per aumentare la massa muscolare il solo allenamento in palestra non basta. Bisogna pensare anche alla dieta, che dovrà essere sana e ricca di tutte le sostanze nutritive essenziali per il buon funzionamento del nostro corpo. La dieta per aumentare la massa muscolare deve essere, quindi, ricca di proteine, ma anche di grassi sani e carboidrati, e non deve essere mai noiosa e monotona!