Benessereblog Salute Terapie e Cure Naso chiuso: cosa fare per respirare meglio

Naso chiuso: cosa fare per respirare meglio

Naso chiuso: cosa fare per respirare meglio

Fonte immagine: Foto di Thorsten Frenzel da Pixabay

In questo momento sei alle prese con una fastidiosa congestione nasale? Il naso chiuso è uno dei disturbi più comuni e fastidiosi, un problema apparentemente innocuo che in realtà può influenzare il nostro umore, la nostra serenità e persino il nostro sonno! Quando si parla di naso chiuso (o congestione nasale) si indica un disturbo caratterizzato dalla costrizione delle vie aeree nasali, che comporta una conseguente difficoltà a respirare attraverso il naso.

Chi non soffre spesso di questo disturbo potrebbe considerarlo un problema di poco conto, ma come vedremo, le conseguenze sono molteplici, e spesso il naso chiuso può anche influenzare la vita quotidiana in modo molto irritante.

In questo articolo scopriremo quali sono le possibili cause del naso chiuso, vedremo come “stappare” il naso e come prevenire il problema in futuro.

Perché si “tappa” il naso?

Il naso chiuso è un problema che può avere numerose cause scatenanti. Ad esempio, la congestione nasale può essere provocata da un accumulo di muco nelle cavità nasali e dall’infiammazione delle mucose respiratorie.

Inoltre, la congestione è associata anche alla dilatazione delle vene presenti nel naso, e tale rigonfiamento può a sua volta causare la fastidiosa sensazione di congestione, impedendo all’aria di passare normalmente dalle narici.

L’occlusione nasale può interessare una o entrambe le narici. Le cause del naso chiuso sono davvero molte.

Naso chiuso: i sintomi

naso chiuso
Fonte: Foto di Luisella Planeta Leoni da Pixabay

Nella maggior parte dei casi, i sintomi del naso chiuso sono piuttosto lievi e tendono a sparire nell’arco di qualche giorno. Fra i disturbi che possono accompagnare questo problema vi sono:

  • Raffreddore
  • Tosse
  • Mal di testa
  • Bruciore alla gola e gola secca: il naso chiuso comporta che il soggetto debba respirare con la bocca, e ciò può causare fastidi alla gola e alla bocca
  • Dolore al viso
  • Mancanza di appetito
  • Accumulo di muco
  • Nausea
  • Febbre

Le cause del naso chiuso

Oltre al raffreddore, sono diverse le malattie che possono essere associate al naso chiuso. Fra le più frequenti vi sono:

  • Allergie respiratorie: se oltre al naso chiuso avverti sintomi come lacrimazione e prurito agli occhi, potresti soffrire di allergia, e sarà quindi il caso di indagare la possibile causa scatenante.
  • Influenza
  • Febbre da fieno
  • Polipi nasali: in tal caso, potresti avere il naso chiuso da alcune settimane, e sarà il caso di sottoporre il problema all’attenzione del medico
  • Sinusite
  • Irritanti ambientali
  • Rinite ormonale o gravidica, un disturbo che si manifesta generalmente entro la fine del primo trimestre di gravidanza, e che comporta – fra gli altri sintomi – anche la congestione nasale.
  • Setto nasale deviato, ovvero una condizione in cui la una narice risulta più chiusa rispetto all’altra.
  • Reflusso gastroesofageo: esiste un inaspettato legame anche fra naso chiuso e reflusso gastroesofageo. Il reflusso gastrico potrebbe infatti avere degli effetti infiammatori anche sulle mucose respiratorie, causando di conseguenza la sensazione di naso tappato

Queste sono solo alcune delle possibili cause del naso chiuso. Per ulteriori approfondimenti, sarà importante rivolgersi al proprio medico curante.

Quando preoccuparsi?

Ma il naso chiuso dovrebbe destare preoccupazione? In generale, il disturbo tende a risolversi in maniera spontanea nell’arco di poco tempo, per cui non dovrebbe suscitare grande preoccupazione. Se ciò non dovesse succedere però, e cioè se il naso dovesse essere congestionato per più giorni o anche per settimane, sarà il caso di parlarne con il medico.

Consulta il tuo dottore anche se la congestione nasale è accompagnata da febbre o da muco di colore verde, se di recente hai subito un trauma cranico o se hai delle secrezioni nasali con tracce di sangue.

Se a soffrire di congestione nasale dovesse essere un neonato, informa al più presto il pediatra per individuare il trattamento più adatto.

Rimedi contro il naso chiuso

Abbiamo visto che le cause della congestione nasale possono essere davvero molte. Di conseguenza, per poter trattare il problema sarà necessario conoscere la causa scatenante. In farmacia potresti trovare infatti numerosi prodotti (sia farmaci che rimedi naturali) contro il naso chiuso, ma prima di acquistare un prodotto di qualsiasi genere sarà importante conoscere la condizione che potrebbe aver scatenato il problema.

Di seguito vedremo quali sono i rimedi più adatti in base alle diverse possibili cause.

Farmaci per il naso chiuso

In base alle diverse cause, il medico potrebbe consigliarti:

  • Farmaci analgesici, che allevieranno anche il dolore al volto e alla testa
  • Antistaminici, per il trattamento di eventuali allergie respiratorie
  • Farmaci decongestionanti e vasocostrittori, che dovranno essere usati per un breve periodo di tempo e sempre dietro consiglio del medico

I rimedi naturali più efficaci

Anche i rimedi naturali possono venire in nostro aiuto. Vediamo quali sono le soluzioni più efficaci per liberare il naso.

  • Suffumigi con bicarbonato o eucalipto, che aiutano a fluidificare il muco e a decongestionare il naso
  • Lavaggi nasali: spesso vengono eseguiti lavaggi nasali con soluzione fisiologica o soluzione ipertonica per mantenere pulite le cavità nasali
  • Spray nasali con soluzione salina
  • Bere bevande calde per mantenersi idratati e favorire la fluidificazione del muco
  • Fare una doccia calda: durante la doccia avvertirai sollievo e sentirai il naso meno chiuso e più libero

Come dormire con il naso chiuso?

Fonte: Foto di Michal Dziekonski da Pixabay

Chi ha dovuto fare i consti con il naso chiuso almeno una volta nella vita, ricorderà di certo quanto questo disturbo possa essere insopportabile, soprattutto durante la notte, quando la sola cosa che vorremmo fare è riuscire a dormire e recuperare le energie.

In casi del genere, dormire con il naso tappato sembra davvero un’impresa impossibile. Continuiamo a girarci e rigirarci nel letto, sperando in un miracolo.

La soluzione, fortunatamente, è però a portata di mano. Esistono infatti alcuni piccoli accorgimenti e rimedi che ti permetteranno di dormire anche con la congestione nasale. Vediamo quali sono i più efficaci e apprezzati.

  • Prima di andare a letto, usa un decongestionante nasale per alleviare il fastidio
  • Mantieni umida l’aria nella camera da letto, utilizzando anche un vaporizzatore per mantenere la giusta umidità. Se soffri di asma o di altre patologie respiratorie, chiedi il parere del tuo medico prima di usare un umidificatore.
  • Dormire con più di un cuscino, in modo da avere la testa posizionata più in alto rispetto al solito e favorire la corretta respirazione (scopri materassi e cuscini per dormire meglio, sempre).
  • Al mattino, aprire porte e finestre per far entrare aria pulita in camera.

Prevenzione

Ma è possibile prevenire il problema del naso chiuso? La risposta è si. Puoi prevenire questo disturbo agendo sulle cause che potrebbero scatenarlo. Se, ad esempio, il naso chiuso è dovuto a un raffreddore, in futuro potresti prevenire il problema attuando una buona igiene delle mani e mantenendoti a distanza dalle persone raffreddate o influenzate.

Inoltre, è utile evitare il fumo (sia attivo che passivo), poiché fumare rende più fragili le vie aeree e quindi queste ultime tendono a infiammarsi più frequentemente.

Anche esporsi al sole rappresenta un ottimo metodo di prevenzione. Prediligi delle passeggiate all’aria aperta durante le ore diurne e, per finire, segui un’alimentazione bilanciata, che comprenda l’assunzione di cibi liquidi, brodi, legumi e zuppe.

Perché ho il naso tappato? Cosa devi sapere sul naso chiuso e i rimedi da conoscere

Il naso chiuso è un sintomo comune a numerose condizioni, alcune innocue, altre da non trascurare o sottovalutare. Fra le possibili e più frequenti cause vi è senz’altro il raffreddore, ma anche l’allergia, il fumo di sigaretta, un setto deviato e altre possibili cause possono scatenare questo problema.

Per riuscire ad alleviare il fastidio in modo duraturo, è importante conoscere la causa alla base del problema. Il medico o il farmacista potrebbero infatti consigliarti l’utilizzo di farmaci decongestionanti, antistaminici o lavaggi nasali, in base alla causa scatenante.

Oltre ai trattamenti farmacologici, puoi anche provare rimedi naturali (come i suffumigi con bicarbonato o eucalipto) e mettere in atto delle strategie di prevenzione, volte a tenere alla larga il disturbo in futuro.

In caso di congestione nasale frequente e prolungata, potrebbero essere necessari degli approfondimenti diagnostici.

Seguici anche sui canali social

Altri articoli su Raffreddore