Benessereblog Bellezza Cura corpo Microblading sopracciglia, fa male?

Microblading sopracciglia, fa male?

Il microblading alle sopracciglia è doloroso? Ed esattamente, quanto fa male? Chi ha provato questo trattamento, assicura che il microblading provoca un dolore solo leggermente più forte rispetto a quello della ceretta, ma di certo inferiore rispetto al dolore di un tatuaggio.

Microblading sopracciglia, fa male?

Fonte immagine: Pixabay

Quanto fa male il microblading alle sopracciglia? Se anche tu sei reduce della moda degli anni ‘90, che imponeva arcate sottilissime e ultrafini, probabilmente oggi avrai delle sopracciglia con buchi e buchetti sparpagliati qua e là.

Ciò significa che anche tu, prima di uscire, probabilmente impiegherai qualche minuto in più per dare un aspetto più folto e naturale possibile alla tua arcata sopraccigliare.

Ti rivedi in questa descrizione? Se si, probabilmente avrai già sentito parlare del microblading, un trattamento semipermanente per sopracciglia che permette di renderle folte e voluminose, il tutto con un effetto molto naturale.

Sebbene il costo del microblading sia abbastanza elevato (può andare dai 300 agli 800 euro a seconda del salone e del lavoro richiesto), in realtà non è questo il fattore che frena tante donne e uomini dal prenotare una seduta.

Un deterrente non indifferente è la paura di soffrire: chi desidera sottoporsi a questo trattamento, teme che il microblading alle sopracciglia possa essere troppo doloroso. Ma sarà davvero così? Per rispondere a questa domanda, bisogna prima capire in cosa consiste la procedura.

Che cos’è il microblading?

Fonte: Pixabay

In poche parole, con questo termine si indica una tecnica di pigmentazione o tatuaggio semipermanente, un trattamento estetico che viene eseguito mediante l’utilizzo di un apposito strumento, una lama (la cosiddetta “eyebrow microblading pen”) composta da circa 15 micro-aghi.

Mediante delle piccole incisioni, gli aghi faranno penetrare il pigmento nell’epidermide. Risultato: un aspetto che ricorda in tutto quello dei veri peli delle sopracciglia.

Microblading: quanto dura?

Di solito, la durata del trattamento può andare dai 40 minuti alle 2 ore, e i risultati possono durare anche per alcuni anni, con i dovuti ritocchi.

Insomma, per chi ha sopracciglia sottili, chiare, o per ha una patologia che causa la perdita dei peli (e di conseguenza, anche delle sopracciglia), il microblading potrebbe sembrare la soluzione che stavamo aspettando!

Ma tornando alla nostra domanda, quanto fa male questo trattamento?

Sarà così doloroso da frenare chi desidera sopracciglia folte, senza dover usare matite o altri prodotti che sbiadiscono nell’arco di una nuotata al mare?

Quanto fa male il microblading alle sopracciglia?

Fonte: Pexels

La buona notizia è che, in linea di massima, questo trattamento non è considerato particolarmente doloroso. La notizia ancor migliore è che molti saloni offrono la possibilità di applicare una crema anestetica per microblading, un prodotto che attenuerà ulteriormente la sensazione di disagio o fastidio.

Naturalmente, la sensazione che proverai dipende essenzialmente da quanto sia alta o bassa la tua soglia del dolore, ma dipenderà anche dall’esperienza dell’operatrice o operatore, dell’ampiezza dell’area da trattare.

Chi si è già sottoposto a questo trattamento, spiega che, più che di dolore, si dovrebbe parlare di fastidio o disagio. La sensazione più comune è quella di ricevere “un graffio”. L’utilizzo di creme anestetiche, invece, permette di eliminare anche questo blando fastidio, lasciando solo una sensazione di pressione.

Per quantificare, le persone che si sono sottoposte al microblading spiegano spesso che la sensazione di dolore è leggermente superiore a quella della ceretta, e un po’ più bassa rispetto a quella che si prova durante un normale tatuaggio.

Dopo il trattamento, invece, potresti notare un leggero arrossamento e una sensazione di calore nella zona interessata, effetti indesiderati che dovrebbero sparire nel giro di un giorno.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come eliminare un punto nero incistato
Cura corpo

Eliminare un punto nero incistato può non essere semplice, specie in casa. In casi come questo può essere utile ricorrere al dermatologo, il quale nel proprio studio, e con gli attrezzi giusti, può portare a compimento l’operazione in modo sicuro ed efficace. A chi voglia provare da solo, si consiglia di optare per un estrattore di punti neri o per un aspiratore, entrambi strumenti ampiamente diffusi in commercio.