Benessereblog Salute Marijuana nemica della fertilità maschile

Marijuana nemica della fertilità maschile

Chi vuole diventare padre deve stare alla larga dalla marijuana. Un nuovo studio condotto dal Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’università di Roma Tor Vergata e pubblicato sulla rivista Pnas, ha dimostrato, infatti, come nel topo, il sistema endocannabinoide – quello su cui agisce anche la marijuana – sia coinvolto nel processo della spermatogenesi. […]

Marijuana nemica della fertilità maschile

Chi vuole diventare padre deve stare alla larga dalla marijuana. Un nuovo studio condotto dal Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’università di Roma Tor Vergata e pubblicato sulla rivista Pnas, ha dimostrato, infatti, come nel topo, il sistema endocannabinoide – quello su cui agisce anche la marijuana – sia coinvolto nel processo della spermatogenesi.

Lo studio apre nuove prospettive per la comprensione dei fenomeni di drastica diminuzione o totale assenza del numero di spermatozoi, spesso con riduzione della motilità (oligospermia o azospermia). Un problema, quello della sterilità, sempre più diffuso. Secondo le più recenti statistiche a livello mondiale, sarebbero circa il 15% le coppie con problemi di mancata o ridotta fertilità, per il 40% attribuibili a oligospermia o azospermia maschile.

Le cause potenziali della ridotta fertilità maschile sono da ricondurre per il 60% a una origine genetica e per il restante 40% a malformazioni occlusive o che sfuggono alla classificazione. E proprio una delle cause dell’oligospermia, tra quelle che attualmente non risultano classificabili potrebbe essere riconducibile al cattivo funzionamento del sistema endocannabinoide, con cui anche l’abuso di cannabis può interferire.

Via | Proceedings of the National Academy of Sciences
Foto | Flickr

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Insonnia, tutte le cause da conoscere
Malattie

L’insonnia è un problema molto frequente, e può avere diverse cause. Stress e ansia, nervosismo e cattive abitudini prima di andare a dormire non sono i soli responsabili della mancanza di sonno, in alcuni casi le cause dell’insonnia vanno ricercate in un possibile problema di salute che non va trascurato