Benessereblog Salute Terapie e Cure Malattia di Lyme, esiste un vaccino?

Malattia di Lyme, esiste un vaccino?

Esiste un vaccino per la malattia di Lyme? Ecco alcune cose da sapere.

Malattia di Lyme, esiste un vaccino?

Esiste un vaccino per la malattia di Lyme? E quali sono i possibili trattamenti per questa particolare condizione? La malattia di Lyme è definita anche con il nome di “eritema migrante” o “eritema cronico migrante”, e si tratta di una condizione che è stata identificata per la prima volta nel 1975, quando si sono verificati svariati casi nella città di Lyme, nel Connecticut.

L’agente che causa questa condizione è il batterio Borrelia burgdorferi, che viene trasmesso all’uomo attraverso la puntura di zecche infette.

La malattia è presente negli Stati Uniti, in Canada, in Giappone, Cina, Australia ed anche in Europa. Riuscire a diagnosticare questa condizione è molto importante, poiché è fondamentale somministrare la giusta terapia antibiotica, in modo da prevenire eventuali complicazioni anche molto gravi.

Esiste un vaccino per la malattia di Lyme?

Ma detto ciò, esiste un modo per prevenire la malattia? Ed è già stato realizzato un vaccino contro la malattia di Lyme? Ebbene, il vaccino per la malattia di Lyme esiste, ma al momento non è ancora commercializzato. Gli esperti fanno sapere che sono attualmente in fase di sperimentazione dei vaccini che dovrebbero agire stimolando il sistema immunitario a produrre anticorpi in grado di combattere i batteri che causano la malattia di Lyme.

Si tratta di vaccini prodotti con tecniche di ingegneria genetica, che in passato sono stati molto contrastati, ma che potrebbero essere immessi sul mercato solo dopo le dovute sperimentazioni e i necessari accertamenti.

Fino a quando il vaccino non sarà disponibile, sarà comunque molto importante proteggersi dal rischio di contrarre questa malattia adottando delle misure comportamentali di prevenzione, prestando ad esempio particolare attenzione quando ci si trova nei boschi o in zone in cui sono presenti delle zecche.

via | Lamedicinainunoscatto.it

Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Posso prendere l’Augmentin per il mal di gola?
Salute

L’Augmentin per il mal di gola si può prendere, a patto che l’infezione sia di origine batterica. Deve essere prescritto dal medico curante con ricetta ripetibile e vanno seguite le sue indicazioni passo dopo passo. Mai interrompere prima la durata del trattamento previsto, anche se notiamo che i sintomi sono quasi del tutto scomparsi. Di solito la terapia base dura 5-7 giorni, per sconfiggere il batterio che ha attaccato il nostro organismo.