Benessereblog Salute Longevità, scoperta la proteina che allunga la vita e migliora la salute

Longevità, scoperta la proteina che allunga la vita e migliora la salute

Un nuovo studio americano ha individuato la proteine che potrebbe migliorare e allungare le nostre vite.

Longevità, scoperta la proteina che allunga la vita e migliora la salute

Vivere a lungo è un po’ il sogno di tutti e forse ci sono speranze di realizzarlo, grazie a un nuovo studio dell’ University of Texas Southwestern Medical Center (Usa). È stato infatti scoperto un interruttore della longevità: si tratta di una proteina che ha la capacità di influenzare la durata della vita (allungandola) e non solo, anche la qualità della salute e contrastare l’infertilità.

La proteina in questione è stata chiamata Beclin-1 e non risulta completamente nuova agli scienziati visto che era già stata individuata nel corso di un precedente studio sull’Alzheimer. La sostanza esaminata dal gruppo guidato da Beth Levine è responsabile del processo di autofagia, quel meccanismo con cui le cellule riciclano i materiali di scarto e la cui scoperta nel 2016 è valsa il Premio Nobel per la Medicina al giapponese Yoshinori Ohsumi.

L’autofagia, che rimuove la ‘spazzatura cellulare’ e ne ricicla gli elementi costitutivi, favorisce la longevità negli organismi modello utilizzati dai ricercatori, ma il suo ruolo nei mammiferi non è ancora ben compreso. Che cosa hanno scoperto dunque i ricercatori americani? I topi – ovvero le cavie del loro studio – con una mutazione specifica nella proteina beclin1 avevano un’accresciuta autofagia nel cervello e nei muscoli e questa mutazione ha migliorato la funzione cognitiva nei modelli murini del morbo di Alzheimer.

In questo studio, gli stessi ricercatori riferiscono che i topi hanno non solo una durata di vita più lunga, ma anche una salute migliore, perché si riducono le malattie collegate all’invecchiamento e all’ossidazione cellulare come malattie cardiache e renali e lo sviluppo di tumori.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.