Benessereblog Benessere Psicologia Le persone ottimiste dormono meglio

Le persone ottimiste dormono meglio

Vuoi dormire meglio? Cerca di essere più ottimista! Ecco cosa rivela un nuovo studio.

Le persone ottimiste dormono meglio

Le persone ottimiste vivono meglio, e a quanto pare dormono anche meglio! A suggerirlo è un nuovo studio condotto su un campione di 3500 giovani e adulti di mezza età (tra i 32 e i 51 anni) dai membri dell’Università dell’Illinois. Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista Behavioral Medicine, ha fatto emergere un dato interessante, ovvero che maggiori sono i livelli di ottimismo, migliore è la qualità del sonno.

Per giungere a questa conclusione gli esperti hanno analizzato i livelli di ottimismo dei partecipanti attraverso una serie di sondaggi, grazie ai quali sono stati valutati anche i sintomi di insonnia, difficoltà ad addormentarsi e il numero di ore di sonno effettivo per notte.

Attraverso dei dispositivi sono stati monitorati anche la durata del sonno, la percentuale di sonno e l’irrequietezza notturna, e gli esperti hanno osservato che le persone con maggiori livelli di ottimismo avevano anche più alte probabilità di dormire adeguatamente (dalle sei alle nove ore a notte), e avevano il 74% in meno di probabilità di soffrire di insonnia e di sonnolenza diurna.

La mancanza di sonno è una preoccupazione per la salute pubblica, poiché la scarsa qualità del sonno è associata a molteplici problemi di salute, tra cui maggiori rischi di obesità, ipertensione e mortalità per qualsiasi causa

spiegano gli autori dello studio, i quali aggiungono che, sebbene non sia ancora chiaro quale possa essere il meccanismo attraverso il quale l’ottimismo influenzi i modelli del sonno, è probabile che la positività possa attenuare gli effetti dello stress, e che faccia quindi dormire sonni tranquilli.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Calcolo del ciclo delle mestruazioni: cose da sapere
Corpo

Monitorare il proprio ciclo mestruale può risultare molto utile, perché ci permette di capire cosa è “normale” per noi, quando avviene l’ovulazione, e ci aiuta a individuare cambiamenti importanti da non trascurare. Fare il calcolo del ciclo delle mestruazioni ci aiuta, in poche parole, a conoscere meglio il nostro corpo.