Benessereblog Bellezza Cura corpo Quando e come lavare i capelli dopo estrazione dente

Quando e come lavare i capelli dopo estrazione dente

Dopo un'estrazione dentale, è importante evitare di lavare i capelli per almeno 24 ore. Successivamente, è possibile riprendere la normale routine di lavaggio della propria chioma. È consigliabile utilizzare acqua tiepida evitando di strofinare vigorosamente la zona adiacente l'estrazione per evitare complicazioni. Dopo il lavaggio, non usate phon ad aria troppo calda. E seguite le istruzioni del dentista e le eventuali raccomandazioni specifiche in caso di complicazioni post-operatorie.

Quando e come lavare i capelli dopo estrazione dente

Fonte immagine: Pixabay

Tra le domande che ci si pone dopo l’estrazione di un dente, c’è “quando e come lavare i capelli?” Del resto, nonostante lieve, si tratta pur sempre di un intervento chirurgico e, come tale, richiede cure post-operatorie appropriate per garantire una guarigione rapida e senza complicazioni. Volendo evitare fastidiose infezioni o danni alla zona operata, quindi, quando è sicuro lavare i capelli? E come farlo? Di seguito vi forniamo tutte le indicazioni necessarie.

Quando e come lavare i capelli dopo estrazione dente

Dopo l’estrazione di un dente, è consigliabile aspettare almeno 24 ore prima di lavare i capelli. Questo periodo di attesa permette al coagulo di formarsi e stabilizzarsi nella cavità del dente estratto. Lavare i capelli prima di questo periodo potrebbe aumentare il rischio di emorragia o infezione. I dentisti consigliano di non applicare calore sulla zona del viso dalla parte dell’estrazione. Per questo motivo, se ci si vuole lavare i capelli, bisogna prestare attenzione a questa raccomandazione.

Ed allora, trascorse 24 ore dopo l’estrazione, procedete con lo shampoo. Per lavare i capelli, evitate di utilizzare acqua troppo calda, poiché potrebbe aumentare il flusso sanguigno nella zona operata e causare sanguinamento o disagio. Preferite l’acqua tiepida, che aiuta a mantenere una temperatura confortevole. Massaggiate delicatamente la testa senza applicare troppa pressione, specie in prossimità della zona operata. Risciacquate bene i capelli per rimuovere completamente lo shampoo ed evitate l’uso di asciugacapelli ad aria troppo calda.

Quando e come lavare i capelli dopo estrazione dente
Fonte: Pixabay

Cosa non fare dopo l’estrazione di un dente

A parte il lavaggio dei capelli, ci sono diversi accorgimenti da rispettare dopo essersi sottoposti all’estrazione di un dente. Ad esempio, quello di non sciacquare la bocca vigorosamente. Evitate di farlo nelle prime 24 ore successive. Il movimento intenso potrebbe disturbare il coagulo di sangue e ritardare la guarigione. Evitate di toccare la zona operata: ancor meno che con le mani sporche, con le quali si possono introdurre in bocca batteri indesiderati. Ancora, non mangiate cibi duri o croccanti che, richiedendo una masticazione impegnativa, potrebbero dare problemi o provocare sanguinamento. Per lo stesso motivo, non masticate gomme per i primi 2-3 giorni dopo l’estrazione. Inoltre, evitate di mangiare o bere cibi e bevande caldi ed evitate gli alcolici. In quanto agli alimenti, sospendete il consumo di alimenti che possono infiltrarsi nella zona interessata, come semi di pomodori o kiwi. Non fumate per i primi 2-3 giorni dopo l’estrazione.

Per le prime 24 ore non andrebbero lavati neanche i denti, nonostante l’importanza dell’igiene orale. Quindi, né risciacqui con acqua, né con colluttori. Riprendete con le normali attività di pulizia dei denti dopo qualche giorno, usando uno spazzolino morbido. Questo per evitare l’irritazione nella zona “operata”. Non assumete aspirina o qualsiasi altro farmaco con proprietà vasodilatatrici durante questo periodo in quanto possono aumentare il rischio di sanguinamento.

FONTI:

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come eliminare un punto nero incistato
Cura corpo

Eliminare un punto nero incistato può non essere semplice, specie in casa. In casi come questo può essere utile ricorrere al dermatologo, il quale nel proprio studio, e con gli attrezzi giusti, può portare a compimento l’operazione in modo sicuro ed efficace. A chi voglia provare da solo, si consiglia di optare per un estrattore di punti neri o per un aspiratore, entrambi strumenti ampiamente diffusi in commercio.