Benessereblog Salute Malattie La salute del CEO, stress e malattie da piani alti

La salute del CEO, stress e malattie da piani alti

La salute del CEO? Non è al top!

La salute del CEO, stress e malattie da piani alti


Amici di Benessereblog, torniamo a parlare di salute a lavoro. Steve Tappin, autore di The Secrets of CEO, ha monitorato amministratori delegati, manager e professionisti che vivono ai piani alti. La loro salute, purtroppo, non è ugualmente al top.

Nel corso di una settimana lavorativa, infatti, tra le dodici principali emozioni che provano i CEO, figurano intenso stress, frustrazione, delusione, irritazione ed un senso di sopraffazione.

Jacques Snyman, a capo del programma di benessere e valorizzazione degli impiegati Zurreal4employers, commenta:

In risposta a queste emozioni, il corpo secerne una maggiore quantità di cortisolo, anche noto come ormone steroide dello stress. Numerosi studi hanno collegato la secrezione di cortisolo cronica ad attacchi di cuore, al cancro ed alla sindrome metabolica, un fattore di rischio per il diabete e le malattie cardiovascolari. In breve, lo studio dimostra che essere un amministratore delegato potrebbe far male alla salute.

Ad essere maggiormente a rischio sono i maniaci del lavoro, gli affetti da workaholism, che spesso trascurano i sintomi delle malattie, non si curano di se stessi, non fanno abbastanza attività fisica e non si prendono mai un giorno di riposo.

Via | Health24
Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.