Benessereblog Salute Malattie Il soffio al cuore innocente nei bambini

Il soffio al cuore innocente nei bambini

Il soffio al cuore innocente è un rumore fisiologico che si avverte nel cuore del bambino e che scompare con la crescita.

Il soffio al cuore innocente nei bambini

Il soffio al cuore si differenzia in innocente o patologico. È un piccolo rumore che si sente ascoltando il cuore di un bambino con il fonendoscopio, non è un malattia e di solito si risolve spontaneamente con la crescita. Quando si manifesta questa situazione fisiologica si definisce innocente e fa parte del normale funzionamento, se invece è causato da una malattia si parla allora di soffio patologico.

Come si può distinguere? Ovviamente non lo può fare un genitore. L’orecchio di un medico esperto (cardiologo pediatra) sarà in grado di captare la problematica. Il soffio innocente è detto sistolico, quindi si presenta con un rumore dolce e musicale. Tra le caratteristiche ha quella di essere tendenzialmente ubiquitario, ovvero si percepisce solo in alcuni punti. Inoltre, è di debole intensità e varia nelle fasi di respirazione o con la posizione.

Da che cosa è causato? Il responsabile sembra essere il sangue che scorrendo nel cuore produce questo rumore. Abbiamo detto che il soffio innocente si risolve con la crescita: in realtà non sparisce, semplicemente sono si riesce più a percepire perché il rumore dello scorrimento del sangue nel cuore viene trasmesso con più difficoltà all’esterno della gabbia toracica (che è diventata più grande) e quindi il medico non riesce più ad ascoltarlo.

Quando il bambino ha una diagnosi di soffio al cuore come devono comportarsi i genitori? Dipende dal pediatra e da che cosa ha percepito. La cosa migliore è fare un ecocardiogramma con il quale sarà possibile stabilire la corretta diagnosi.

Via | Ospedale Bambin Gesù

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Enfisema polmonare: cure e prevenzione
Malattie

L’enfisema polmonare è una grave malattia cronica polmonare che colpisce soprattutto i fumatori. La malattia può manifestarsi inizialmente in maniera asintomatica, per poi provocare sintomi man mano sempre più gravi e invalidanti, come mancanza di fiato e stanchezza estrema. Ad oggi non esistono cure per l’enfisema in grado di ripristinare la funzionalità polmonare, ma è possibile rallentare la progressione della malattia e ridurne i sintomi.