Benessereblog Salute Malattie Il fumo danneggia anche la schiena

Il fumo danneggia anche la schiena

I danni che il fumo di sigaretta provoca sul nostro organismo sono innumerevoli, ma un recente studio scientifico ne aggiunge un altro: pare infatti che il vizio della sigaretta possa arrecare danni anche seri alla schiena.

Il fumo danneggia anche la schiena

Tra i danni che il fumo provoca al nostro organismo, ora dobbiamo aggiungere anche quelli a carico della schiena. Se sappiamo, infatti, che il fumo di sigaretta è nocivo per la salute dei nostri polmoni, oltre che per la salute del nostro cuore, ecco che una nuova ricerca scientifica italiana, condotta insieme ai colleghi di un’università statunitense, ci svela che anche la schiena potrebbe subire danni da questa brutta abitudine.

A scoprirlo un team di studiosi guidati da Enrico Pola e Luigi Nasto della clinica ortopedica dell’Università Cattolica – Policlinico Gemelli di Roma, con i colleghi dell‘Università di Pittsburgh, negli States. Pare, infatti, che il fumo di sigaretta possa arrecare danni alla colonna vertebrale, intervenendo sul Dna dei dischi intervertebrali, sui cuscinetti ammortizzanti che troviamo tra le vertebre. I danni sono maggiori per chi inizia a fumare in giovane età.

Lo studio è stato condotto su un gruppo di topolini di laboratorio sani e un gruppo con deficit di funzionamento dei meccanismi di riparazione del Dna: il secondo gruppo è più suscettibile ai danni del fumo, ma tutti i topi esposti hanno sviluppato segni di degenerazione. Il danno, poi, si è rivelato maggiore nei soggetti che non avevano ancora raggiunto la maturità scheletrica, soggetti paragonabili ai nostri adolescenti.

Lo studio, pubblicato su The Spine Journal, ci svela che la sigaretta può essere una delle cause che accelera il processo degenerativo a carico dei dischi intervertebrali, degenerazione che può portare alla nascita di malattie croniche a carico della colonna vertebrale, come ad esempio cervicalgie, radicolopatie, stenosi, lombalgie.

Foto | da Flickr di kbondelli

Via | Corriere

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.