Benessereblog Salute Malattie Ictus, attenzione all’ansia: aumenta i rischi per il cervello

Ictus, attenzione all’ansia: aumenta i rischi per il cervello

Uno studio dell'università di Pittsburgh rivela che l'ansia è uno dei motivi di maggiore incidenza di ictus.

Ictus, attenzione all’ansia: aumenta i rischi per il cervello

Che l’ansia fosse causa di numerose malattie psicosomatiche è stato ampiamente assodato, così come alcune ricerche hanno dimostrato come questa particolare forma di nervosismo sia specifica delle donne, ma un recente studio dell’Università di Pittsburgh ha rilevato come l’ansia possa aumentare l’incidenza di ictus con maggior rischio di danni per il cervello.

Gli studiosi dell’università americana hanno evidenziato che le persone con un alto tasso di ansia hanno il 33% di possibilità in più di restare vittime di ictus rispetto alle persone che presentano sintomi minori a livello cardiovascolare: l’ansia infatti tende a far aumentare la pressione sanguigna e aumentare i rischi di incorrere in ictus o altre malattie legate a problemi vascolari.

Lo studio dell’Università di Pittsburgh è uno dei primi a cercare una reale connessione tra l’ansia e l’ictus; Maya J. Lambiase, la dottoressa che ha coordinato la ricerca, ha commentato ulteriormente i dati emersi dallo studio: innanzitutto bisogna continuare a investigare l’impatto dell’ansia sul nostro corpo, indipendentemente dalla depressione cui spesso è collegata, e sull’incremento del rischio di ictus.

Anche uno stile di vita poco sano potrebbe essere collegato all’ansia e al rischio di ictus. In questo studio, la ricerca si è focalizzata in particolare su comportamenti e vizi quali il fumo e l’attività fisica, che possono contribuire a sottolineare la correlazione tra ansia e rischio di ictus ma non sono esattamente la spiegazione definitiva a questa associazione.

La dottoressa Lambiase ha inoltre sottolineato la particolarità di questo studio, che ha tenuto l’ansia come elemento fisso nel corso della vita delle persone e non come specifica malattia a sé; è stato proprio questo a fare la differenza con i precedenti studi.

L’ictus è la quarta causa di morte e una delle principali cause della disabilità. Dopo aver indagato sulla depressione, l’ansia è stata associata all’ictus nel nostro studio e questa particolare relazione merita di essere indagata approfonditamente.

Via | MedPageToday

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.