Benessereblog Alimentazione I bambini che saltano il pranzo leggono peggio?

I bambini che saltano il pranzo leggono peggio?

I bambini che mangiano a pranzo leggono meglio. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

I bambini che saltano il pranzo leggono peggio?

Esiste una potente connessione tra nutrizione e istruzione. A confermarlo è un nuovo studio condotto dai membri dell’Indian Institute of Technology e pubblicato sulle pagine del Journal of Development Economics, dove gli autori hanno esaminato i dati provenienti da quasi 600 distretti rurali in India, coprendo un totale di oltre 200.000 famiglie.

Gli esperti hanno scoperto che i bambini delle scuole primarie che hanno partecipato a un programma di pranzo salutare e gratuito per un periodo prolungato hanno ottenuto risultati di apprendimento significativamente migliori.  Secondo lo studio, i bambini che hanno consumato pasti regolari a mezzogiorno fino a cinque anni hanno ottenuto punteggi nei test di lettura migliori del 18% rispetto a quegli studenti che hanno usufruito del pranzo scolastico gratis per meno di un anno. Inoltre, si è registrato un miglioramento del 9% anche per quanto riguarda i punteggi nei test di matematica.

L’effetto della nutrizione sembra essere cumulativo, visto nel tempo. La nostra ricerca dimostra che il vero vantaggio dei pranzi a scuola è stato osservato nei bambini che ne hanno usufruito per un periodo che va dai due ai cinque anni.

Alla luce di quanto emerso, il nuovo studio conferma il valore sostanziale dei programmi dei pasti scolastici gratuiti per i bambini, programma gestito in tutto il mondo, che a quanto sembra potrebbe migliorare anche le prestazioni accademiche degli studenti.

via | Eurekalert
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come combattere la sarcopenia
Malattie

Per combattere la sarcopenia, è fondamentale adottare un approccio multifattoriale. L’esercizio fisico regolare, che includa attività di resistenza e forza, stimola la crescita e mantiene la funzionalità muscolare. Una dieta bilanciata, ricca di proteine di alta qualità, vitamine e minerali, favorisce la sintesi proteica muscolare. Mantenere uno stile di vita attivo, evitando il sedentarismo, contribuisce a preservare la salute dei muscoli.