Benessereblog Alimentazione Gravidanza: troppa caffeina aumenta il rischio di obesità per i figli

Gravidanza: troppa caffeina aumenta il rischio di obesità per i figli

Gravidanza: troppa caffeina aumenta il rischio di obesità per i figli

L’esposizione a livelli da moderati ad elevati di caffeina durante la gravidanza è collegata a un peso eccessivo durante la prima infanzia. A rivelarlo è uno studio pubblicato su BMJ Open, secondo cui la caffeina, che passa rapidamente attraverso i tessuti, compresa la placenta, oltre a essere collegata a un maggiore rischio di aborto spontaneo e ad altri problemi per il bambino, potrebbe essere associata anche a un peso eccessivo nei primi anni del bambino. Per giungere a questa conclusione gli esperti hanno esaminato un campione di 51.000 coppie mamma-figlio.

Alle mamme è stato chiesto di segnalare l’assunzione di cibo e bevande tra 255 prodotti che includevano anche fonti di caffeina, come il caffè, il tè nero, bevande contenenti questa sostanza, cioccolato, latte al cioccolato, dessert, torte e dolci e così via. Quindi, gli esperti hanno annotato peso, altezza e lunghezza del corpo dei bambini dall’età di 6 settimane agli otto anni, ed hanno constatato che i livelli di caffeina assunti in gravidanza erano collegati al peso del bambino durante i primi anni di vita.

L’assunzione media, elevata e molto elevata di caffeina durante la gravidanza è infatti risultata associata ad un aumento del rischio – del 15, 30 e 66%, rispettivamente – di peso eccessivo durante l’infanzia del bambino rispetto all’assunzione bassa di questa sostanza.

I risultati aggiungono prove a sostegno dell’attuale consiglio di ridurre l’assunzione di caffeina durante la gravidanza e indicano che evitarla completamente potrebbe effettivamente essere consigliabile.

via | ScienceDaily

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social