Benessereblog Salute Malattie Giornata mondiale dell’emofilia, parlarne ai bambini con un libro

Giornata mondiale dell’emofilia, parlarne ai bambini con un libro

Un cartellone patchwork fatto di tanti disegni realizzati dai bambini affetti da emofilia sarà esposto domani in tutte le piazze d’Italia che dedicano un pò d’attenzione all’emofilia, una malattia ereditaria che colpisce in Italia circa 5 mila persone, in maggioranza uomini.A Bari, Brescia, Firenze, Pescara, Udine, Roma , Palermo, Napoli, Caserta, Parma, Trento, Padova, Genova […]

Giornata mondiale dell’emofilia, parlarne ai bambini con un libro

Un cartellone patchwork fatto di tanti disegni realizzati dai bambini affetti da emofilia sarà esposto domani in tutte le piazze d’Italia che dedicano un pò d’attenzione all’emofilia, una malattia ereditaria che colpisce in Italia circa 5 mila persone, in maggioranza uomini.

A Bari, Brescia, Firenze, Pescara, Udine, Roma , Palermo, Napoli, Caserta, Parma, Trento, Padova, Genova saranno esposti cartelloni informativi e verranno raccolti fondi per la ricerca dalla fondazione Onlus Paracelso, che da vent’anni è accanto ai malati di emofilia.

In serata a Milano verrà presentato il libro di Cristina Brambilla “Vietato Mordere la zia”, che verrà poi distribuito a tutti i piccoli malati, poichè è a loro che si rivolge, con un linguaggio semplice e spiega loro come affrontare la malattia senza sentirsi diversi. Il libro è un modo per parlare ai bambini ed aiutarli a crescere nonostante il deficit ereditario.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.