Benessereblog Salute Malattie Farmaci per smettere di fumare

Farmaci per smettere di fumare

Quali sono le classi di farmaci che vengono usate per perdere il vizio del fumo?

Farmaci per smettere di fumare

Smettere di fumare è un’ottima decisione, sia per tutelare la propria salute che per preservare quella degli altri a causa del fumo passivo. Tuttavia non è sempre così facile rinunciare al tabagismo: la paura di ingrassare, di non farcela, di avere delle ricadute è sempre dietro l’angolo. Ci sono, effettivamente, dei farmaci per smettere di fumare, ma attenzione: non fanno miracoli. Se il fumatore non è veramente convinto di voler smettere, il farmaco non farà effetto. Comunque sia, prima di assumere questi farmaci è sempre bene contattare il proprio medico, soprattutto se si soffre di altre patologie (e quindi se si assumono altri farmaci) o se si è in gravidanza.

I farmaci che aiutano contro il tabagismo

Ci sono diverse classi di farmaci che aiutano a smettere di fumare:

  • nicotina o sostituti nicotinici: in pratica viene somministrato l’alcaloide sotto forma di cerotti o di gomme da masticare. In questo modo si riducono i sintomi da astinenza da nicotina
  • farmaci agonisti dei recettori nicotinici: in pratica si legano ai recettori nicotinici dell’acetilcolina, emulandone l’azione e riducendo i sintomi provocati dal costante desiderio di fumare. Inoltre diminuisce il desiderio di fumare, limitandone il piacere
  • farmaci anticonvulsivanti inibitori dell’anidrasi carbonica: questa tipologia di farmaco viene usato anche per dimagrire. Tuttavia non è la prima scelta dei medici
  • farmaci antidepressivi triciclici: ci sono alcuni farmaci usati per la depressione che possono aiutare in caso di tabagismo. Come? Riducendo i sintomi che derivano dal fumare e dallo smettere di fumare
  • agonisti dei recettori dell’imidazolina: utilizzato come agente adrenergico in caso di ipertensione gravidica, viene talvolta utilizzato per aiutare a smettere di fumare

Come dicevamo prima, però, senza la giusta motivazione questi farmaci non potranno fare effetto. Inoltre starà al medico prescrivere quello più adatto alle esigenze del paziente, valutandolo nel suo insieme. Idem dicasi per i dosaggi. Questo perché sono tutti farmaci con controindicazioni e possibili effetti collaterali.

Foto | iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.